Atalanta, Sartori: “Zapata e Gomez? Non vendiamo nessuno ma a luglio…”

| 03/01/2020 09:59

Ultime Atalanta, Sartori: “Zapata e Gomez? Non vendiamo nessuno ma a luglio…”

Giovanni Sartori, responsabile dell’area tecnica dei nerazzurri, ha parlato di mercato nel corso di un’intervista concessa a Il Corriere dello Sport.

La Dea ha appena venduto Dejan Kulusevski alla Juventus per 35 milioni di euro più 9 di bonus. Ed essendo un calciatore in prestito, questo non intaccherà la rosa di Gasperini.

“Comprato per 200mila euro? Per meno, se proprio va detta, diciamo la metà. Chi ha fatto l’affare? Credo tutti, noi, loro, lo stesso Dejan. Ha giocato 17 partite in Serie A e la sua crescita è stata impressionate. Le ho seguite tutte, le sue prestazioni, fin dalla Coppa Italia contro il Venezia. Ad aprile fa vent’anni e può crescere ancora tantissimo, può diventare un top player, già adesso ha una prospettiva internazionale. Da giugno, da quando giocherà con la Juventus, sarà ancora più maturo”.

Ultime Atalanta: i bergamaschi non dovranno vendere

Sartori ha parlato anche della rosa attuale: zapata

“Gomez, Ilicic e Zapata? Corteggiati da molti club? Alt: non vendiamo nessuno. Restano con noi fino a luglio. Hateboer l’abbiamo preso dal Groningen, Gosens giocava nell’Heracles Almelo, De Roon stava all’Heerenven. In Olanda mi fermavano e mi dicevano: ma chi avete preso? Ma lo stesso vale per Djimsiti: in Svizzera non lo voleva nessuno. E prima ancora Kessie. Me lo ricordo qui a gennaio, con un freddo cane, aveva le infradito, sembrava uno capitato qui per caso. Lo tenemmo in prova dieci giorni, capimmo che era un gran calciatore.

Traorè? È fortissimo, certo, ma è solo la punta dell’iceberg. La nostra Primavera è molto competitiva, negli ultimi due anni è arrivata prima in campionato, in estate abbiamo vinto lo scudetto. Ci sono molti ragazzi che come Traore presto verranno avvicinati alla prima squadra e in questo senso devo sottolinaere il lavoro di Maurizio Costanzi, che coordina un settore giovanile con oltre 350 ragazzi”.


Continua a leggere