Serie A, Tavecchio: “La Juve resta favorita. Nazionale? Avversari minori…” (ESCLUSIVA)

| 14/12/2019 13:30

Carlo Tavecchio, ex presidente della FIGC, ha parlato in esclusiva ai microfoni di calciomercato24 della lotta scudetto in Serie A e della Nazionale.

Serie A, Tavecchio sceglie ancora la Juve

Ecco quanto dichiarato dall dirigente: “Campionato che per la prima volta trova un’antagonista alla Juventus, credo sia ancora la più forte dal punto di vista dell’organico, anche se quello che sta facendo l’Inter non è di poco conto, basta guardare al Napoli che adesso è in difficoltà. Ci saranno 2, massimo 3 squadre che lotteranno fino alla fine, bisognerà capire dove arriverà la Lazio, che ha fatto dei progressi notevoli, avendo alleggerito l’impegno dall”Europa League“.

Sulla Nazionale

Ho preso la decisione di dimettermi da presidente, perché nessuno degli altri interessati alla gestione della Nazionale prese la stessa decisione, credevano che tutto fosse recuperabile, io pensavo che non era recuperabile niente dal punto di vista etico e morale, era un grosso guaio non essersi qualificati per i Mondiali. Dobbiamo dire che abbiamo incontrato finora squadre di caratura diversa nelle qualificazioni rispetto a Spagna, Germania, Francia etc, non sarà semplice avere questi risultati agli Europei 2020, anche se devo dire che il sorteggio è stato benevolo“.

Dove sta andando il calcio italiano?

Le squadra italiane non sono capitalizzate per entrare in concorrenza con l’Europa, non c’è un concetto di risparmio aziendale, la struttura economica è carente. Credo che si debba porre questo argomento all’ordine del giorno, non si può trovare il santo protettore che ti salva. Per quanto riguarda le strutture, non siamo all’altezza degli standard mondiali, gli enti locali sono in difficoltà, le sponsorizzaizoni extra-Europa saranno le benevenute“.


Continua a leggere