Napoli, l’urlo di Insigne: “I napoletani non mi hanno capito”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Notizie Napoli Insigne | Non è il momento migliore della carriera di Lorenzo Insigne, “Lorenzo il Magnifico”, classe 1991, valore di mercato 65 milioni di euro, contratto che lo lega al club di Aurelio De Laurentiis in scadenza al 30 giugno 2022. Notizie Napoli Insigne

News Napoli, nostalgia zemaniana

Oggi all’Olimpico però, nel match Italia-Grecia valido per le qualificazione agli Europei del 2020, Insigne ricostruirà con Verratti e Immobile il terzetto che nel 2011-2012, sotto la guida di Zeman, portò il Pescara in Serie A al termine di una cavalcata storica e spettacolare. Quei ragazzi ne hanno fatta di strada ma quando giocano tutti e tre insieme si accende sempre la magia. Magia che Insigne a Napoli sembra aver smarrito. Ne parla a cuore aperto confessandosi ai microfoni di Marco Lollobrigida nell’intervista concessa in esclusiva alla Rai. L’intervista verrà trasmessa oggi in versione integrale a Dribbling (ore 13,30). Ecco cosa ha detto l’attaccante del Napoli.

Notizie Napoli Insigne a Rai Sport

“Cosa preferirei tra Champions, scudetto ed Europeo? A Napoli è l’ora di vincere, il Napoli aspetta da troppo tempo. Detto questo, noi vogliamo fare un grande Europeo”. Ma come riporta Il Corriere dello Sport nella trascrizione dell’intervista forse ci sono più possibilità con la Nazionale. E poi il rapporto con Napoli e Ancelotti. “I napoletani non mi hanno capito. A qualcuno sembro presuntuoso, credo abbia no un’immagine diversa da quella che sono. Chi la pensa così, spero tanto possa ricredersi. Dico a tutti i tifosi di starmi vicino. Perché io per questa maglia mi farei ammazzare”. Ancelotti “Tra di noi la questione è caratteriale. Ci capita di bisticciare, ma Carlo resta un grande allenatore e spero di vincere insieme a lui”. Altro equivoco da chiarire. “Non è mai successo, da quando allena il Napoli, che mi abbia imposto un ruolo. A volte, quando arrivo più stanco o nervoso all’allenamento,
mi può capitare di rispondere alle sue osservazioni, ma sono cose che lì finiscono e possono succedere. E’ accaduto spesso anche di scherzare con il mister”.