De Ligt in conferenza: “Qui alla Juventus anche grazie a Sarri. Voglio vincere tutto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

De Ligt in conferenza: queste le sue prime parole da calciatore della JuventusUltime Juventus De Ligt

De Ligt in conferenza| Matthijs de Ligt, calciatore della Juventus, è intervenuto in occasione della conferenza stampa di presentazione. Ecco quanto raccolto dalla redazione di Calciomercato24.com.

Juventus, de Ligt in conferenza stampa: le sue dichiarazioni

Arrivo da una grande esperienza con la maglia dell’Ajax, posso dire di aver già fatto molto nella mia carriera nonostante abbia solo 19 anni. E’ stato belle vedere tanti tifosi della Juventus qui solo per me. Ho fatto un grande passo a venire qui. In quel momento stavo decidendo, avevo già un’idea ma stavo riflettendo. In quel momento ero abbastanza sicuro che sarebbe stata la Juventus il mio prossimo club ma le parole di Ronaldo mi hanno aiutato, anche se non hanno fatto la differenza.

Ci ho pensato molto, avevo deciso di aspettare la fine delle vacanze ma l’idea era quella. La decisione l’ho presa dopo la prima finale giocata con l’Ajax l’anno scorso. In molti parlano di me, voglio dare il meglio di me. Con Sarri ci siamo sentiti brevemente, abbiamo parlato di varie cose. Lui è uno dei motivi per cui ho scelto la Juventus, mi piace il suo modo di allenare e in tanti parlano benissimo del mister.

Sono tifoso della Juventus fin da bambino, mi sono sempre ispirato a Fabio Cannavaro. Abbiamo giocato qui con l’Ajax nei quarti di Champions e l’atmosfera era eccezionale. Questo è un grandissimo stadio, voglio dare il meglio di me. I tifosi sono grandiosi, incitano sempre la squadra.

Vogliamo vincere tutto, abbiamo quattro obiettivi, campionato, Coppa Italia, Supercoppa e Champions. Come ho detto è stato un processo lungo, mi stavo guardando interno. L’Italia ha una grande tradizione per i difensori. Per me è una grande sfida, la Juve poi mi ha fatto vedere di credere molto in me e mi hanno voluto fortemente.

Penso che ci siano diversi attaccanti, ovviamente Ronaldo ma anche Mandzukic, sono entrambi forti di testa. Douglas Costa poi è molto veloce. Non sono però gli unici attaccanti difficili da marcare. Ogni volta è una sfida. Adesso che sono alla Juventus voglio poter fare sempre meglio. Sono giovane e voglio lavorare giorno per giorno per migliorare tutte le mie caratteristiche”.