Juventus, il padre di Kean: “Se vogliono tenerlo lui resta, se no va via. Inter? Se lo chiamano, valutiamo”

Calciomercato Juventus, parla il padre di Kean: le ultime sul futuro dell’attaccanteJuventus Kean contratto

Calciomercato Juventus Kean| Jean Kean, padre dell’attaccante della Juve, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di juvenews.eu. Diversi i temi toccati: dal caso Sea Watch al futuro di Moise. Queste le sue parole.

Queste le dichiarazioni del padre di Moise Kean

“Sea Watch? Io al momento sono troppo concentrato sui miei fratelli africani che sono stati sequestrati sulla nave. Sto preparando la mia denuncia da presentare alla prefettura di Torino. Lunedì sarò alla procura per esporre denuncia, perché non mi è piaciuto per niente come è stata gestita la situazione. Gli italiani non hanno colpe perché loro avevano già detto che il porto era chiuso e loro hanno violato le leggi. Io denuncerò tutti, politici compresi. Ora sto lavorando su questo, penso poco a mio figlio in questo momento.

Futuro di Moise? Magari la prossima settimana posso dirti qualcosa in più. Lui è contento di dove si trova e di giocare nella Juve e se la società decide di trattenerlo lui resta, altrimenti se pensano di mandarlo via e vuole andare all’Inter vedremo quello che succederà, se dovesse chiamarlo ci penserebbe. 

Keen-Zaniolo? Su questo sono d’accordo. Un allenatore è anche un educatore e un educatore è anche un padre di una squadra. Di Biagio ha fatto benissimo e ha ragione ad aver fatto quello che ha fatto. Paragone con Balotelli? Deve crescere ancora tantissimo mentalmente. Se sei forte e non hai la testa è tutto sbagliato. Parte tutto dalla testa. All’inizio ho detto a mio figlio di non fare come Balotelli, ma deve imitare Ronaldo o Messi, non Balotelli”.