PSG, il pres. Nasser: “Basta primedonne, ora i giocatori devono lavorare!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

PSG, lo sceicco Nasser attacca i suoi giocatori

Il PSG continua a spendere delle cifre assurde di calciomercato in calciomercato, eppure, oltre alla vittoria in campo nazionale, con una Ligue 1 che di certo non brilla quanto a competitività e tasso di sfida, fatica ed anche parecchio in campo internazionale con il cammino in Champions League che spesse volte si è esaurito ai gironi, al massimo agli ottavi di finale. Un risultato che di certo non rispetta la volontà e gli investimenti della dirigenza, che pare ora essersi annoiata dei comportamenti dei propri giocatori, stelle che fanno fatica a collaborare, troppo occupate a brillare da sole.

“Chi non è d’accordo può andare via”

Proprio della squadra ha parlato oggi il presidente nonché sceicco del PSG, Nasser Al-Khelaifi che, interrogato da France Football, ha lanciato più di una bordata alla propria squadra, trasudando nervosismo ed insofferenza verso una squadra che non riesce a vincere, pur avendo le carte in regola per ambire a farlo. “I giocatori devono cominciare ad assumersi le loro responsabilità, non sono qui per divertirsi ma per lavorare di più. Non ho più intenzione di accettare comportamenti da primadonna o da star. E se qualcuno non è d’accordo, può tranquillamente andarsene”, ha detto Nasser Al-Khelaifi. A questo proposito c’era stata qualche giorno fa anche una frecciatina di Dani Alves…