Sampdoria-Juventus: le pagelle di Gazzetta

Sampdoria-Juventus: i voti della Gazzetta dello Sport e del Corriere dello Sport.

Sampdoria: Rafael (6), Bereszynski (6,5 e sv), Colley (6,5), Ferrari (6), Sala (6), Praet (6,5), Linetty (6 e sv), Barreto (6), Ramirez (5,5), Caprari (6,5 e 7), Quagliarella (6,5 e 6), Gabbiadini (6), Defrel (6,5 e 6).Sampdoria-Juventus

Juventus: Pinsoglio (5,5), Caceres (6 e 5,5), Rugani (5,5 e 6), Chiellini (6 e 6,5), Bonucci (5,5), De Sciglio (5,5), Cuadrado (5,5), Bentancur (5,5 e 6), Can (6,5), Portanova (6), Dybala (5,5), Kean (6), Pereira (6 e 5,5), Nicolussi Caviglia (5,5 e sv).

Samp-Juve: l’analisi di Gazzetta

Fabio Quagliarella non è riuscito a mettere la firma numero 27 in questo campionato, anzi la Samp ha vinto la partita dopo che Giampaolo gli ha regalato la standing ovation del suo pubblico sostituendolo con Gabbiadini.

In effetti non c’era bisogno della ciliegina per il trono del gol conquistato alla tenera età di 35 anni. Solo Toni ha fatto meglio di lui. Questa è stata comunque la partita di super Quaglia. E quella di Allegri, l’ultima sulla panchina della Juve. La gara, invece, rischia di essere anche l’ultima di Giampaolo.

Partita di celebrazioni, addii, arrivederci. Partita di presentazioni, anche. Che Defrel e Caprari regalano alla Samp sulla via del tramonto, con un tiro sporco e velenoso e una punizione disegnata col compasso.

Orfana di un Ronaldo già in vacanza, per quanto riguarda la Serie A, Allegri ha scelto Dybala a far coppia con Kean. Anzi, a star dietro a Kean, perché Paulo girava a suo piacimento alla ricerca di spazi o occasioni per pungere. La sua prova è piaciuta solo per un tempo.