Fiorentina, Milenkovic: “Futuro? Ho un contratto con la Viola”

Nikola Milenkovic, difensore della Fiorentina, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport:

Le parole di Milenkovic

«Quando ero nel Partizan guardavo i suoi filmati e imparavo il mestiere del difensore. Vidic è un vero gladiatore. Coppa Italia? Ho già disputato una partita simile. Semifinale di Coppa di Serbia tra il mio Partizan e la Stella Rossa. Per noi era la gara della vita. Vincemmo 1 a 0. E io segnai il gol decisivo. Sarebbe bello fare il bis contro l’Atalanta».

La squadra di Gasperini ha battuto il Napoli. «Ho visto la partita in televisione. L’Atalanta ha tanti giocatori che a livello individuale possono inventare azioni decisive. Ma i loro successi li costruiscono attraverso il sacrificio di tutta la squadra. La squadra di Gasperini mette sul campo un’intensità che ti impedisce di ragionare».Fiorentina Manchester Nikola Milenkovic

Lei dovrà vedersela con Zapata. «Il colombiano è un condensato di potenza. Se lo perdi di vista, anche solo per un secondo, sei morto. Gomez? Il leader. La qualità. I suoi colpi alzano il livello dell’Atalanta».

Come quelli di Ilicic. «Sono arrivato a Firenze quando lui è stato ceduto. Dentro lo spogliatoio viola ne parlavano tutti un gran bene. Ora che l’ho visto giocare capisco il perché. Ilicic ha una visione di gioco formidabile. Lui “vede” il passaggio giusto prima degli altri».

L’Atalanta ha pareggiato in casa con Chievo ed Empoli. «Contro l’Empoli ha tirato in porta una cinquantina di volte. Capita di non vincere partite simili. A noi è successo spesso. Chiesa? Federico ha personalità e classe. Più lo fischieranno più lui si esalterà. Chiesa è un attaccante fantastico. Ho visto pochi giocatori correre palla al piede con la sua tecnica. Muriel è il calcio. Ha una qualità incredibile. Il suo arrivo ci ha convinto che possiamo fare gol in qualsiasi momento. E contro qualsiasi avversario».

Il difensore ha anche parlato dell’arrivo di Montella in panchina:

«Ha trasmesso entusiasmo e positività. E concetti di gioco che stiamo apprendendo a tempo di record. A Bergamo? Non 0 a 0. Siamo due squadre dal gol facile. Non si possono subire due gol in pochi minuti come è successo al Franchi. Per eliminare l’Atalanta dovremo essere attenti nei movimenti difensivi. Vogliamo una vittoria da dedicare a Davide Astori, il nostro capitano. I ragazzi della Primavera di Bigica ci sono riusciti. Ora tocca a noi».

Perché la Fiorentina oggi è undicesima in classifica? «La gioventù non deve essere un alibi. Abbiamo perso tante occasioni. Troppe. Mercato ?Ho un contratto con la Fiorentina, il mio obiettivo è migliorarmi».

A fine stagione si vedrà. La valutazione di Milenkovic già sfiora i 40 milioni. Ma lui vive nel presente nonostante l’interesse di tante big, tra cui la Juventus. «Sono ortodosso devoto a Dio. La religione è mia compagna di vita».