Torino, Cairo: “Il Var lo usano solo per penalizzare noi”

Ultime Torino Cairo | Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a Tuttosport dopo gli episodi di ieri contro il Cagliari:

«Mi è sembrato un arbitraggio molto squilibrato. Se espelli Zaza, anche se non so cosa abbia detto, devi trattare allo stesso modo Barella, che ha mandato a quel paese l’arbitro. A fronte di un’imprecazione, che non so se Zaza abbia fatto o meno, se viene espulso ogni giocatore si rimane in dieci in campo. Questo è molto ingiusto, se applichi la stessa regola durante tutta la partita, ne espelli dieci. Barella ha fatto la stessa cosa dopo dieci minuti, ma è stato allontanato per doppia ammonizione a cinque minuti dalla fine».

Umore nerissimo dopo gli episodiTorino, Cairo

«La spinta di Pellegrini su Izzo era evidente, il Var lo usano soltanto per penalizzare noi».

Cairo su Mazzarri che ha abbandonato il campo dopo il gol del pareggio

«Io credo che dobbiamo sempre lottare fino all’ultimo secondo, le cose si cambiano da dentro, lavorando, impegnandosi e lottando. Non si molla mai neanche mezzo millimetro, anzi questo tipo di situazioni ti inducono ad essere ancora più combattivo e determinato. Io non penso che vogliano far andare il Milan in Europa. Certo, se guardi a ieri (la sfida contro la Lazio di sabato, ndr) qualcosa pensi. Se guardi a quanto successi qui (l’andamento di Toro-Cagliari, ndr), qualcosa pensi, ma combattendo si riescono ad ottenere le cose».

Le parole paterne

«Io ho ingaggiato una lotta per prendere Rcs, contro quelli del cosiddetto establishment, ma ce l’abbiamo fatta lo stesso perché siamo stati determinati. Non per forza deve sempre essere tutto negativo, si deve continuare a lottare, non puoi mollare mai. Quando vedi l’espulsione di Zaza e il rigore non concesso ad Izzo, che non è stato neanche visto al Var, pensi ad un qualcosa di allucinante».

Il tema caldo diventa poi il gol del pareggio di Pavoletti:

«L’arbitro credo che avesse fischiato il fuorigioco, a quel punto non puoi tornare indietro, non puoi più vedere il Var. Non so come sia andata, non so se il fischio sia arrivato prima o dopo l’entrata della palla in porta. Se avesse fischiato prima, a quel punto non avrebbe più potuto andare a vedere il Var, così come ci è successo a Udine con Berenguer e pure a Bologna la scorsa stagione».

La chiusura è dedicata al contatto Pellegrini-Izzo:

«Dico solo una cosa: io vedo rigori dati per molto meno. Ma questo non vuol dire che dobbiamo alzare bandiera bianca. Dobbiamo denunciare queste cose, è stata fatta un’ingiustizia. Però abbiamo sei partite davanti, possiamo fare tutto quello che vogliamo».

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore