“Mansur alza il petrolio e fa calciomercato”, il presidente del Bayern attacca il City

Parole molto pesanti quelle che il presidente del Bayern Monaco, ed ex attaccante dei baveresi, Uli Hoeness ha raccontato alla stampa presente durante uno dei meeting sulla sostenibilità tenutisi in questi giorno a Monaco. Il dirigente tedesco, infatti, ha rivelato alla stampa presente una rivelazione che gli avrebbe fatto Pep Guardiola, ex allenatore del Bayern ed attualmente tecnico del Manchester City, per quanto concerne i movimenti di mercato della dirigenza dei Citizens, guidata dal noto e ricchissimo sceicco Mansur bin Zayd Al Nahyan. Pare infatti, secondo le parole del presidente tedesco, che per convincere Mansur a spendere cifre folli basti davvero poco a Pep, e che serva ancora meno allo sceicco per recuperare quanto appena speso.

“Anche 100 milioni, il giorno dopo vengono recuperati”

Uli Hoeness ha rivelato alla stampa che quando Guardiola chiede un giocatore prima dell’apertura del calciomercato è solito raccogliere dei video e delle compilation del giocatore, che poi porta proprio allo sceicco. Non importi che il calciatore costi anche oltre i 100 milioni di euro: “Pep e lo sceicco cenano, lo spagnolo gli presenta il giocatore. Lo sceicco poi acconsente all’acquisto e il giorno dopo alza un po’ il prezzo del petrolio… ed ha già recuperato i soldi”. Parole molto pesanti, attendono risposte da Manchester.