Ajax, David Endt: “Ci vuole la vendetta, nel ’96 la Juve era dopata”

| 19/03/2019 09:15

Juventus, David Endt riscalda la doppia sfida con l’Ajax

La Juventus, dopo la storica rimonta sull’Atletico Madrid, ha perso l’imbattibilità in campionato con la sconfitta a Genova. Un risultato indolore perchè il divario dal Napoli resta di 15 punti e l’ottavo scudetto di fila è al sicuro. La squadra di Allegri infatti punterà tutto sulla Champions, dove ai quarti di finale incontrerà la rivelazione Ajax. Una doppia sfida europea che rimanda al passato e dolci ricordi per i bianconeri, che hanno alzato l’ultima coppa proprio contro i Lancieri, nel maggio 1996 a Roma. Una finale decisa ai calci di rigore e vinta grazie alle parate dell’ex van der Saar. Un icona olandese come David Endt, ex addetto stampa e team manager dell’Ajax negli anni ’90, che ha voluto scaldare le prossime partite.

David Endt: “A Roma abbiamo giocato contro una Juve un po’ dopata”

David Endt, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha caricato a modo suo Ajax-Juventus che si giocherà a metà aprile: “La Juventus è veramente la favorita, su questo non ci sono dubbi. Ma tutto è possibile con il gioca spregiudicato e senza paura dell’Ajax. E poi abbiamo qualcosa da farci vendicare, perché all’epoca a Roma abbiamo giocato contro una Juve che poi si è rivelata forse un po’ dopata, non si sa… E questo brucia ancora, è un altro motivo per vincere, con tutto il rispetto che si ha per la Juve”. Parole forti e un attacco diretto alla società bianconera che infiamma, a distanza di quasi un mese, una doppia sfida che prometterà scintille dentro e fuori dal campo.


Continua a leggere