Roma, Ranieri: “Dzeko con Schick? Non conta il sistema di gioco”

Claudio Ranieri, tecnico della Roma, ha parlato oggi in conferenza stampa prima della gara di sabato in campionato:

Le parole di Ranieri

“Dzeko e Schick? Non contano i sistemi di gioco, l’importante è che i ragazzi si riconoscano nelle posizioni. Come giochiamo non è molto improtante.

Dubbi? E’ logico che devo valutare bene tutto oggi e domani. Kolarov e Zaniolo a oggi non si sono allenati con me e giocatori quindi ho dei dubbi. O sono costretto o so che anche se saltano 3 giorni di allenamento non succede nulla, devo valutare. Per quanto riguarda Santon o Karsdorp a destra può essere un’idea.

Fazio per me è un pezzo da 90, ci sta che una parte di campionato abbia dei momenti no, non stiamo parlando di macchine ma di persone. Si è allenato bene in questi giorni”.

Intanto il tecnico studia una variazione tattica. Al Leicester a destra c’era un certo Rihad Mahrez a fare la differenza. Un po’ prima, con il Monaco, che in Francia vinse la Ligue 2 aveva invece Ferreira Carrasco, anche se dall’altra parte, a sinistra. Insomma, nel suo classico 4-­4­-2 Claudio Ranieri gioca sempre con un esterno dei due molto offensivo e così sarà anche nella Roma. Se non, addirittura con tutti e due. Ad iniziare da Justin Kluivert, uno in cui Ranieri apprezza velocità e capacità di contropiedista. A Ferrara, sabato prossimo, la Roma andrà a caccia di un’altra vittoria sul campo della Spal. Per riuscirci Ranieri dovrebbe passare dal 4-­2-­3-­1 utilizzato con l’Empoli al 4-­4­-2 (modulo peraltro già utilizzato nel finale anche contro i toscani).