Sconcerti: “La Juventus è alla fine di un ciclo, Allegri andrà via. Milan da terzo posto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:30

Sconcerti: “La Juventus è alla fine di un ciclo, Allegri andrà via. Milan da terzo posto”Inter Mario Sconcerti Juve Napoli

Sconcerti sulla Juventus| Mario Sconcerti, ai microfoni di Calciomercato.com ha parlato dell’andamento della Juventus e del Milan, trattando anche del caso Icardi. Queste le sue dichiarazioni.

“Atletico Madrid? Penso che la Juve non potrà essere quella di Napoli, perché con l’Atletico sarà chiamata a fare tutto un altro tipo di partita. Al San Paolo bastava controllare, gestire, le sarebbe andato bene anche un pareggio. Certo, se dovesse giocare come ha giocato domenica sera sarà durissima. Ci sono tanti giocatori grigi, poco brillanti. Anche col Napoli ha sofferto troppo. A partire da Bonucci a Chiellini, fino a Pjanic: ho visto molti giocatori in difficoltà. E c’è un’altra cosa da dire: da due-tre partite non vediamo più Cristiano Ronaldo. È anche questo il segnale di una Juve in difficoltà, sia atletica che psicologica.

Senza Champions il ciclo si chiude perché questa è una squadra dove i punti forti sono tutti anziani. Bonucci, Chiellini, Cristiano, Mandzukic. E gli altri sono ragazzi che hanno promesso molto, ma senza mantenere del tutto. Penso a Dybala e a Bernardeschi, per esempio, di sicuro a Douglas Costa. Anche per Allegri, è ovvio”.

Sul caso Icardi: “Non è un caso il «like» di Icardi. In questo momento qualunque cosa è un problema. Icardi lo sa benissimo. E aver postato il suo «like» alla festa della Juve non fa che acuire le tensioni. La sua è stata una scelta ben precisa, che non aiuta il suo rapporto con l’Inter”.

Corsa al terzo posto. Milan favorito? “Ha giocato male col Sassuolo, ma ha questo ordine di squadra che gli altri non hanno. L’Inter è un birillo impazzito, è fragile psicologicamente. La Roma avrebbe tanta qualità, ma non ha equilibrio. Mi sembra che il Milan riesca sempre a segnare i gol che gli servono. E ha perso solo quattro partite come il Napoli”.