Berlusconi: “Il Milan non mi manca, ora c’è il Monza”

| 21/02/2019 19:30

Berlusconi: “Il Milan non mi manca, ora c’è il Monza”

Silvio Berlusconi, ex presidente del Milan, ha parlato ai microfoni di La7. Ecco le sue dichiarazioni: “Non mi mancano né le cene eleganti né il Milan. Le cene era solo cose simpatiche, su cui hanno portato avanti cose contro di me non vere. Per quanto riguarda il calcio, ora ho preso il Monza e con Galliani vogliamo costruire una squadra modello, composta da giovani italiani, da ragazzi ben pettinati senza barba, senza tatuaggi e senza orecchini. Se fanno fallo devono chiedere scusa all’avversario e devono avere massimo rispetto per l’arbitro. Quando firmano gli autografi, devono scrivere in modo chiaro il loro nome e cognome. La nostra maggiore preoccupazione non è andare in Serie B o in Serie A, ma costruire una squadra che sia da esempio”.

Berlusconi ha ceduto il 13 aprile il Milan a Yonghong Li per quasi 700 milioni di euro, quest’ultimo però il 21 luglio 2018 ha lasciato a sua volta la società nelle mani del fondo Elliott non avendo pagato le tranche del debito stipulato per l’acquisto del club. Ora, con la proprietà americana, il vento sembra sia cambiato ed i rossoneri sono in piena lotta per un posto in Champions League, oltre che in semifinale di Coppa Italia.


Continua a leggere