Rapid Vienna-Inter: le probabili formazioni

Rapid Vienna-Inter: le probabili formazioni della Gazzetta dello Sport. Nonostante il terremoto Mauro Icardi l’Inter deve scendere in campo in Europa League.

Potrebbe essere il giorno più importante per il Toro  Lautaro Martinez. L’argentino questa sera sarà alla prima da titolare in Europa League. Certo, sperava di potersi giocare un chance in Austria per la necessità di far riposare Maurito. Invece il caso dell’oramai ex capitano ha cambiato le strategie spallettiane e il numero 10 argentino sarà forzatamente il puntero stasera a Vienna, nella prima di un nuovo cammino europeo che inizia contro il Rapid, e che a questo punto della stagione diventa di importanza primaria per l’Inter tutta.

Dentro l’Allianz Stadion, gioiellino biancoverde alla periferia di Vienna, ci saranno poco meno di 25mila spettatori, compresi 2mila tifosi nerazzurri, e Lautaro giocherà per la settima volta dall’inizio con la maglia nerazzurra addosso. E sarà come un nuovo inizio, perché il domani di Icardi a Milano non è ancora definito, mentre Lautaro potrà scrivere lui stesso una pagina fondamentale per il suo futuro interista. Ieri sera, nella solita passeggiata di un quarto d’ora con cui la squadra prende confidenza con il campo, Lautaro ha fatto gruppo con Cedric e Miranda: prima delle tre trasferte Champions il rookie di Bahia Blanca sorrideva sempre con Icardi e ne ascoltava gli insegnamenti, passeggiando sui prati di Eindhoven, Barcellona e Londra. Stavolta è ovviamente diverso: l’argentino entra sul prato di Vienna tra gli ultimi, prima di Nainggolan e Politano, ha la faccia già concentrata, i suoi sorrisi sono pochi. Il peso dell’attacco sarà tutto su di lui, avere la testa già al Rapid è fondamentale.