Andre Silva: “Dal Milan mi seguono, ma io voglio giocare. Futuro? Vediamo a fine stagione”

Andre Silva sul futuro| Andre Silva, centravanti di proprietà del Milan ma attualmente in forza al Siviglia, ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta Dello Sport per commentare la partita di domani in Europa League contro la Lazio e anche del suo momento attuale con gli andalusi.

“Europa League? Di tutte le squadre che ci potevano toccare la Lazio è una delle più forti, ma andiamo a Roma per vincere. Qui al Siviglia si respira la passione per l’Europa League, hanno messo le 5 vinte allo stadio in bella vista, ci tengono un sacco. Mi manca l’Italia? Si. Anche se il passato è passato, le cose potevano andare diversamente. Il calcio non è uno sport individuale, puoi avere le tue aspettative ma non sei solo e altre persone ti devono far fare le cose o almeno provare a fartele fare”. 

Sul futuro: Far bene qui, e aspettare. Se dovessi decidere, andrei a giocare nella miglior squadra del mondo. Così come se mi dicono di scegliere tra titolare a Siviglia o al Milan senza giocare mai, la preferenza è scontata. Però sono in mezzo a due situazioni: qui sto bene e sono un giocatore del Milan. Non ci penso, altrimenti mi distraggo. Loro mi seguono e  mi mandano messaggi e mi dicono che sto facendo un buon lavoro. Del resto per loro sono comunque un investimento”.