Lionele Scaloni ritorna all’Olimpico, osserverà Correa per l’Argentina

La partita di Europa League tra Lazio e Siviglia sarà osservata da vicino da una vecchia conoscenza come Lionel Scaloni. Secondo il Corriere dello Sport l’attuale tecnico dell’Argentina, confermato a tutti gli effetti, si presenterà giovedì sera sugli spalti dell’Olimpico. Un ospite speciale per una sfida molto importante della stagione della Lazio, con cui Scaloni ha giocato dal 2009 al 2013. Non solo legami con i biancocelesti, perchè Scaloni è stato anche vice di Sampaoli al Siviglia nella stagione 2016-17. In Spagna ha avuto modo di conoscere Joaquin Correa che rivedrà dal vivo nella sua prima partita da ex (arrivato lo scorso giugno per 15 milioni). In realtà Scaloni ha allenato il Tucu anche nell’Argentina, sempre da vice di Sampaoli, e sarà l’osservato speciale, sperando che Inzaghi decida di farlo giocare. La prossima estate parte la Copa America (14 giugno-7 luglio) e Scaloni sta pensando di convocare anche Correa, nel tentativo di ricostruire la Selecciòn.

Ultime Lazio Correa

L’Argentina di Scaloni può includere anche Correa

Non è il primo tecnico a tentare il rilancio dell’Argentina, che passerà ancora da Messi (bisogna convincerlo a tornare) ma anche da altri talenti. Uno di questi è Correa, che esordì il 9 giugno contro il Brasile e dopo l’addio di Sampaoli non è stato più convocato. La presenza di Scaloni però può farlo sperare, dipende tutto da come si comporterà negli ultimi mesi della stagione. Il tecnico di fatto conosce benissimo l’ambiente Lazio, che ricorda sempre con piacere e restando in contatto con molti dirigenti. Dopo aver lasciato la capitale, si trasferì all’Atalanta per l’ultimo capitolo della sua carriera da calciatore. Alla Lazio ha raccolto 67 presenze e segnato un gol contro il Parma, diventando un uomo spogliatoio e un’esperta guida per i più giovani. Oggi allena l’Argentina, dall’esonero di Sampaoli (dopo il disastro Mondiale), e tornerà a Roma per una notte speciale tra ricordi e intrecci del passato che lo faranno emozionare, ma anche per studiare l’Argentina del futuro.