Questione Supercoppa, parla Malagò: “Quanta ipocrisia. In Arabia Saudita prima le donne non entravano nemmeno negli stadi”

Malagò Supercoppa| In questi giorni, ancora una volta, si sta parlando di tutto fuorché di calcio, che sia mercato o giocato. Purtroppo la questione Supercoppa in Arabia Saudita sta prendendo la scena in lungo e in largo e tutti prima o poi sono chiamati ad esprimersi.

In una maniera diversa, con una concezione del tutto lontana dal popolo, si è espresso anche il presidente del Coni Giovanni Malagò, che è intervenuto a Radio Anch’io lo Sport.

“E’ il trionfo dell’ipocrisia da parte di tante persone. Il problema è sorto con la vicenda dei biglietti, la donna che prima non poteva andare allo stadio ora ci può andare in determinati settori. Poi ovviamente tutto quello che succede in Arabia non mi trova d’accordo. La Lega di Serie A è un ente privato, fa un bando e dice quale posto o città possono ospitare nei prossimi cinque anni la finale della Supercoppa.

La migliore offerta è stata quella dell’Arabia Saudita, il bando è stato giudicato a luglio del 2018. Ricordo poi che stiamo facendo la danza della pioggia per riuscire a rivede la Nazionale ai prossimi Mondiali che si terranno in Qatar, un paese che ha leggi anche più restrittive dell’Arabia Saudita”.