Walter Mazzarri, allenatore del Torino, deve affrontare la Juventus dopo il pareggio con il Milan

Torino Juventus Mazzarri | Il derby della Mole come ultima speranza di vedere ancora una Serie A. Uscita indenne, anzi rafforzata dalle gare contro Fiorentina e Inter, solo il Torino e l’orgoglio granata del derby possono mettere un freno alla cavalcata bianconera. “Mi auguro che domani tutto lo stadio, non solo la curva Maratona, ci dia una mano per tutta la gara, con l’obiettivo di tirare fuori tutto quel che serve e qualcosa in più”, ha esordito Mazzarri in conferenza stampa, “mi piacerebbe che imponessimo il nostro gioco, ma bisogna vedere cosa concedono gli avversari. Voglio vedere orgoglio e passione”.

Sulla Juventus: “Lo schema base della Juventus è la difesa a quattro: mi dite che senza Cancelo potrebbero giocare a tre? Le scalate sono diverse, loro cambiano anche a partita in corso. Noi abbiamo provato diverse cose per tutta la settimana. Davanti a certi campioni, a certe squadre, magari si adottano consigli più particolari, nell’uno contro uno, sulla distanza da concedere al giocatore. Nel momento di avvicinarsi al match, parlo singolarmente con tutti, specie con chi arriva dall’estero, per capire se percepiscono cosa è un derby. Loro sono una corazzata, noi passione. Io ci aggiungo: siamo anche orgoglio. Voglio vedere orgoglio e passione. Dal nostro punto di vista ce la metteremo tutta. Poi ci sono gli avversari e ci sono i bioritmi. Vediamo cosa succederà: noi siamo fiduciosi

Mazzarri passa all’analisi dei singoli, tra cui spicca Iago Falque: “Il test vero lo farà domattina. Negli ultimi due giorni si è allenato normalmente, ma vedremo domani cosa succede, perché serve sprintare per tutta la gara”. A chi gli chiede se in assenza dell’ala spagnola, ci sarà una chance per Zaza, risponde: “È una delle possibilità, domani, ripeto, faremo le scelte”.