Juventus, Allegri presenta la sfida con l’Inter in conferenza stampaJuventus Allegri Genoa

Juventus Allegri Conferenza| Massimilaino Allegri, allenatore della Juventus, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani contro l’Inter.

“Mi aspetto una bella serata di sport, di calcio, tra due squadre che insieme al Milan hanno fatto la storia del calcio italiano. La partita con l’Inter si prepara da sola. E’ come una grande sfida di Champions League” le prime parole in conferenza di Allegri. Sarà una partita molto importante sotto l’aspetto emotivo. E sotto il profilo tecnico e tattico, lo sarà altrettanto. Bisognerà preparala al meglio. Affronteremo una squadra che è cresciuta molto in autostima e in risultati. Inter e Napoli, al momento, sono le candidate come antagoniste della Juventus”.

Le differenze con Spalletti?: “Le differenze tra noi? Io mi sveglio e vedo il mare. A Luciano piacciono più le colline. Anche se ha lavorato molto a La Spezia e, quando eravamo più giovani, ci trovavamo tutti in Versilia… Scherzi a parte, differenze non ce ne sono. La Toscana riesce a tirar fuori sempre buoni allenatori e questo ci differenzia dalle altre regioni. Siamo diversi nei capelli… lui i capelli non ce li ha più, io ancora per poco”.

CANCELO E DE SCIGLIO“Non so ancora se giocheranno De Sciglio e Cancelo, a destra o a sinistra. Si possono anche scambiare durante la partita. A Firenze hanno fatto bene Cancelo a sinistra e De Sciglio a destra, in quel momento avevo bisogno di quell’assetto. Emre Can?  Farà parte dei convocati. Sta bene, magari gli verrà concesso anche un pezzo di partita. Tutto dipenderà dalla condizioni di Bentantur. Ha un problema alla schiena, gli si è bloccata l’altro giorno. Ha avuto dei dolori, e due giorni di mezzi differenziati. Devo capire le sue condizioni. In sua assenza, le alternative sono due: o metto dentro subito Emre Can, o giocheremo in un altro modo. L’equilibrio va ancora trovato. Anzi, va migliorato. Se cominciamo a spaccare le partite in due diventa un problema. Altrimenti tre diventano tagliati fuori dal gioco, e sette invece vanno a difendere. Bisognerà trovare una compattezza migliore di quella avuta finora. In questo momento, è la cosa che non va bene”.

NAPOLI E INTER“Il Napoli ha un modo di approcciare diverso con Ancelotti, è più pericoloso. La scorsa stagione hanno fatto 91 punti. E sono gli stessi più giocatori bravi come Ruiz. L’Inter altrettanto, ha un bravissimo allenatore, hanno preso Asamoah che è uno dei terzini più bravi che ci sono in circolazione, hanno recuperato molti giocatori come Joao Mario, Borja, hanno Nainggolan che non so se giocherà. Hanno giocatori importanti tecnicamente come Icardi, Perisic e Politano. C’è anche Brozovic, che si sta ritagliando un bel ruolo davanti alla difesa. L’Inter è in netto miglioramento, in continua crescita”..