Milan, intervista di Mirabelli: da Bonucci a Ronaldo, passando per AubameyangMilan Fassone Mirabelli mercato Donnarumma

Milan Mirabelli Intervista| Dopo qualche mese dal suo addio, Massimiliano Mirabelli, ex direttore sportivo del Milan, torna a parlare di quell’esperienza ma soprattutto di tutti gli errori fatti e di tutti i retroscena di mercato. Queste le sue parole ai microfoni di SportItalia.

Queste le dichiarazioni di Mirabelli

“Anche alla Juventus di Marotta e Paratici servì più di un mercato per fare quello che hanno fatto. L’acquisto di Bonucci non può considerarsi un flop. Lui era convinto di venire al Milan quando lo contattai, non so cosa sia successo dopo che me ne sono andato, non si trovava bene alla Juve e noi cogliemmo l’opportunità. Dargli la fascia di capitano è stato un errore, c’erano altri giocatori davanti a lui. 
“Aubameyang? La prima scelta di Montella era Kalinic. Da anni è risaputo il rapporto con Aubameyang, ci siamo visti più volte e lui era il mio unico obiettivo per l’attacco anche se il Dortmund chiedeva tanto. Mentre lavoravo per portarlo a Milano dovevo sentire anche le richieste del tecnico che riteneva Kalinic come prima scelta. Noi trattavamo 4 attaccanti che erano Benzema, Morata, Higuain e Immobile”.

Già Fassone qualche settimana fa aveva parlato della possibilità di vedere Cristiano Ronaldo al Milan, andato poi alla Juventus. Anche Mirabelli ne ha parlato: “Era un’operazione che ci era venuta in mente e sottotraccia ne parlammo con Jorge Mendes. Sapevamo che poteva avere problemi al Real, parlammo anche di ingaggio e facemmo tutto, ma poi la proprietà cinese bloccò tutto perché non era sostenibile”.