Palermo, Zamparini nei guai: la sentenza è stata pilotata, la società stava fallendo

| 28/11/2018 10:15

Palermo, Zamparini nei guai: indagato per aver istagato il concorso in corruzione

Palermo, altri guai per Zamparini. Come riprotato da Tuttospot, un’altra bufera che rischia di avere effetti devastanti sul Palermo. Il momento della squadra era felice visto che i rosanero sono in testa al campionato, invece i guai giudiziari continuano ad ammorbare l’aria.Palermo Zamparini Cessione Società

Gli ultimi risvolti arrivano dall’inchiesta di Caltanissetta che vede coinvolti l’ex presidente Giovanni Giammarva e anche Giuseppe Sidoti, il giudice della sezione fallimentare del Tribunale di Palermo che firmò l’ordinanza di rigetto sull’istanza di fallimento chiesta dalla Procura, potrebbero avere conseguenze anche sulla squadra che continua a lavorare in un clima strano.

Giammarva e Sidoti sono accusati di concorso in corruzione (il giudice anche di abuso d’ufficio) e che entrambi per un anno non potranno svolgere la loro professione. Ma non è finita perchè tra gli indagati c’è anche il patron Maurizio Zamparini, ritenuto l’istigatore di tutta la vicenda.

Palermo: di cosa è accusato il patron

In pratica per l’accusa il Palermo si salvò dal fallimento grazie ad una sentenza pilotata. La corruzione sarebbe consistita in piccoli favori al giudice Sidoti, ovvero biglietti per lo stadio, pass riservati per il parcheggio al “Barbera” e anche una consulenza nel club rosanero per un’avvocatessa palermitana, Vincenza Palazzolo, “legata al giudice”.

Accuse gravissime che sono state respinte dai diretti interessati e che hanno provocato la dura reazione di Zamparini, alle prese con la cessione del Palermo ad una società internazionale quotata in Borsa a Londra, da dove il patron è rientrato ieri.

Il rischio è che le ultime beghe giudiziarie possano fare slittare la conclusione dell’affare o addirittura farlo saltare del tutto. E quest’ultima opzione potrebbe avere effetti devastanti per il Palermo. Senza il closing, ci sarebbe bisogno di un’iniezione di capitali freschi: unico a poterlo fare è proprio Zamparini.


Continua a leggere