Sassuolo, lesione al piano pelvico per Boateng: le ultime

Brutte notizie in casa Sassuolo che vede fermarsi Kevin-Prince Boateng, calciatore di punta della formazione neroverde. Ecco il report apparso sul sito ufficiale: “Fermo Kevin-Prince Boateng, per il quale gli accertamenti diagnostici effettuati, a seguito dell’infortunio riportato in occasione di Parma-Sassuolo, hanno evidenziato una lesione muscolare al piano pelvico”.

News Sassuolo, Sensi nel mirino di Milan ed Inter

Il centrocampista che tanto bene sta facendo questa stagione col Sassuolo, a dimostrarlo anche la chiamata della nazionale italiana, sarebbe finito nel mirino di Inter e Milan.

Il Milan è partito prima per un’evidente necessità contingente, legata agli infortuni a catena che priveranno a lungo Gattuso (in particolare) di Biglia e Bonaventura. E Sensi si fa apprezzare sia da regista che da mezzala. Però le mosse dei vertici rossoneri sono rallentate dalle incertezze sulle risoluzioni dell’Uefa per il Fair Play finanziario. Il Sassuolo è a conoscenza dell’interesse rossonero, ma non ha sul tavolo ancora un’offerta concreta. I rapporti fra i club sono eccellenti vista anche la fede dichiaratamente rossonera del patron Giorgio Squinzi, e si ha un quadro promettente per le attese milaniste. Ma questi piani devono fare i conti con le contemporanee mosse del direttore sportivo nerazzurro Ausilio.

Marotta ha appena lasciato la Juve e si appresta a passare ai nerazzurri. Il manager varesino non è ancora sceso in campo, ma è logico dedurre che l’iniziativa di Ausilio avrà il suo significativo appoggio. In questa fase delicata bisogna però fare i conti con le esigenze tecniche del Sassuolo. De Zerbi è orientato a tenersi stretto il suo allievo e questo impedimento potrebbe mettere in difficoltà la strategia milanista. Se Gattuso ha bisogno urgente di un rinforzo in mezzo al campo, invece le attenzioni interiste sono rivolte al mercato estivo.

Siamo ancora in una fase preventiva. La trattativa vera e propria non è ancora partita. Tuttavia 20 milioni per il cartellino ora potrebbero non bastare più. Questo è quel che riporta La Gazzetta dello Sport.