Sconcerti: “Serie A solo un mezzo per andare in Champions”

| 26/11/2018 12:00

Sconcerti: “Serie A solo un mezzo per andare in Champions”

Mario Sconcerti, editorialista del Corriere della Sera, ha parlato della corsa scudetto nel corso del suo pezzo in edicola oggi.

Il giornalista ha sottolineato come lo scudetto sia un’utopia per 19 squadre su 20, un obiettivo troppo lontano. Infatti negli ultimi sette anni la Juventus ha dominato in campionato e ogni stagione alza l’asticella. Questo sta facendo perdre appeal al campionato di Serie A che è ormai diventato anonimo come altre competizioni in gio per l’Europa.

Il +8 della Juventus mette un pietra tombale sulla corsa al titolo e fa perdere di interessa la competizione.

“Le nuove regole di Champions stanno togliendo fascino, se non interesse, anche al campionato – si legge -. La corsa alla Champions è un traguardo fondamentale ma arrivare secondi o quarti è la stessa cosa (…). Questo è una specie di socialismo scialbo, lo sport entra nel merito, non distribuisce uguaglianze per legge”.

Sconcerti spiega i motivi di questa tendenza in maniera dettagliata:

“Tutto questo serve a portare il numero più alto di società ricche nella manifestazione. Questo annulla anche l’interesse per molti risultati. Conta poco il passo falso del Napoli. La sua corsa è più sulla Juve prima o sulla Lazio quarta? La Juve è a meno 8, la Lazio a meno 6. Questo ammortizzatore vale tanto anche per l’Inter, lontanissima ma terza, quindi in zona soldi”.

Sconcerti analizza anchela posizione del Milan:

“Il Milan che ha perso più di un punto a partita dalla Juve in tredici giornate. Niente conta niente, ci siamo inventati altri traguardi per essere tutti un po’ trionfanti, spinti non dalla squadra ma dalla piazza. Conta chi siamo, la nostra ricchezza, non come giochiamo, non che squadra abbiamo. Infatti si parla a novembre già di mercato. Faccio questo mestiere da cinquant’anni. Quando si parla di mercato così presto vuol dire che non si è per niente contenti del presente. Tutti: squadre, società, giornali, televisioni. E siamo già nella Superlega se il quarto posto vale come il primo”.

Mario Sconcerti va in controtendenza, anche la Juventus pagherà lo scotto di questa corsa alla “zona soldi”:

“La Juve ha il diritto di essere molto seccata dalla qualità degli avversari che se ne fregano di cercare lo scudetto, cercano solo la Champions. È un campionato tradito, è solo un mezzo per attaccare la cassaforte della Champions. In 13 giornate Napoli-Inter-Lazio-Milan-Roma, il meglio della nostra gioventù, ha messo insieme 67 punti di distacco dalla Juve”.


Continua a leggere