Roma, Di Francesco: “Con l’Udinese mancata la determinazione. Pellegrini out anche con l’Inter”

| 26/11/2018 17:00

Roma, Di Francesco: “Con l’Udinese mancata la determinazione. Pellegrini out anche con l’Inter”

Eusebio Di Francesco, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League contro il Real Madrid. Ecco le sue dichiarazioni:

Sulla sconfitta con l’Udinese: “Quello che è mancato è quella determinazione, che spesso si scrive ma non si compra al supermercato. Quella voglia e il desiderio di vincere le partite con cattiveria, quando si va a fare una fase difensiva e offensiva adeguate. Avevamo preparato una partita che io ritenevo fosse la più importante. Averla persa mi ha dato un fastidio enorme”

Sugli infortunati: “Pellegrini non sarà a disposizione né domani né contro l’Inter. Per Olsen ci sarà un provino nel pomeriggio”.

Sul futuro: “Se parliamo della squadra ne parliamo. Di me non parlo, perché ho sempre sentito la fiducia dalla società. In Champions abbiamo una buona classifica che possiamo far diventare ottima, con una grande prestazione domani”.

Se fa una promessa ai tifosi: “Secondo me non è domani, deve essere sempre: dare il massimo sempre per la maglia che si indossa. Saranno in 65.000 perché la Roma in Champions ha fatto bene. Sono arrabbiati? È normale, lo sono anche io. Il tifoso non mi deve chiedere la formazioni, ma impegno e serietà”.

Ultime Roma, Di Francesco rischia l’esonero

Eusebio di Francesco rischia il posto. Come riportato da La Gazzetta dello Sport il tecnico è sulla graticola e a bastare non sarà più il buon rendimento in Europa se poi in campionato si arranca malamente. Ora infatti i giallorossi sono al settimo posto e questo non consentirebbe loro nemmeno l’accesso in Europa League.

Il presidente Pallotta è amareggiato, ma la dirigenza al momento non sta pensando all’esonero di Di Francesco, nonostante le critiche perle scelte di Udine. I tam tam capitolini parlavano di dirigenti nei pressi dello Studio Tonucci già sabato notte per vertici in «conference call» con gli Usa, ma La Gazzetta smentisce.

Tuttavia la doppia difficile sfida a Real Madrid e Inter potrebbe essere decisiva per il tecnico. Due sconfitte potrebbero spingere i vertici anche al cambio, pur se non si possono escludere effetti collaterali.


Continua a leggere