Spalletti: “Modric ci farebbe diventare grandissimi. Futuro? Dopo l’Inter una big, non in esilio”

| 22/11/2018 16:00

Inter, Spalletti parla al Corriere Della Sera: queste le sue parole

Inter| Spalletti| Modric| Intervistato da Il Corriere della Sera, Luciano Spalletti ha quindi fatto il punto della situazione concedendosi una considerazione su Modric, ma anche sul suo possibile futuro dopo l’esperienza nerazzurra.

Inter, le dichiarazioni di Luciano Spalletti

“Modric? Parliamo di un livello di calciatori fatti e capaci di insegnare agli altri come si fa. L’inserimento di top player è la scorciatoia per diventare fortissimi. Sconfitta con l’Atalanta? Lazio-Inter dello scorso campionato, per come si era messa, aveva i connotati per far pensare a un nostro tipico blackout. Abbiamo trasformato un eventuale buio nel più luminoso fascio di luce verso la Champions. I vantaggi degli avversari scaturiscono dalle nostre rinunce, in quel caso non li abbiamo alimentati. Capita di non farsi trovare pronti dopo un filotto, significa che ho sbagliato le scelte”.

Crisi del calcio italiano? “In altri contesti sociali maturano prima. Come popolo italiano invece maturiamo tardi, in tutti i settori, e questo si riflette sul calcio. Poi c’è un altro tasto: i figli di immigrati possono dare una mano. La Germania e la Francia hanno vinto con un’importante componente multietnica».

Futuro? “Ovunque ma non in esilio, magari in una situazione già risanata, restaurata. Solo nel dizionario il termine successo viene prima di sudore. Il successo è ciò che ispiri negli altri, quindi dico: dopo essere riuscito ad allenare l’Inter vorrei diventare l’allenatore di una delle più grandi… Inter della storia”.


Continua a leggere