Calciomercato Milan, da Christensen a Ibrahimovic: quanti obiettivi per gennaio

| 21/11/2018 08:30

Calciomercato Milan, da Christensen a Ibrahimovic: quanti obiettivi per gennaio

Il Milan, in Serie A, è la squadra che più dovrà sforzarsi a gennaio sul mercato per venir fuori da questa grave emergenza infortuni. Bisognerà puntellare ogni reparto, dalla difesa all’attacco. Per quel che riguarda il reparto arretrato, persiste la candidatura del ‘solito’ Rodrigo Caio. L’italo-brasiliano del San Paolo sembra essere in rottura con l’ambiente e, a differenza degli anni scorsi, il prezzo potrebbe essere relativamente basso: Leonardo cercherà di portarlo a casa per una cifra inferiore ai 10 milioni di euro. Non è finita qui, infatti il dt rossonero starebbe osservando anche due situazioni in casa Chelsea, ovvero, quella di Cahill e Christensen. I due sono stati scalzati dalla rinascita di David Luiz e potrebbero voler trovare spazio altrove, magari in prestito. La pratica con i Blues è stata appena avviata, si attendono sviluppi.

Centrocampo ed attacco, le situazioni

Ora passiamo al centrocampo dove è sempre di moda la candidatura di Sensi del Sassuolo che proprio ieri ha confermato tutte le sue qualità in nazionale. Il patron neroverde vuole tenersi stretti i suoi gioielli e non ha problemi di soldi, ma, se arrivasse un’offerta di prestito con obbligo di riscatto, non è detto ci sia un ‘no’ a prescindere. Non è da scartare Paredes, per il quale lo Zenit cerca 25 milioni di euro: la volontà del giocatore di giocare per il Milan c’è, quella della società di cederlo meno.

Per finire in bellezza vi facciamo il punto sull’attacco, ruolo in cui la suggestione Ibrahimovic la fa da padrone. Ieri le parti sono rimaste in contatto in attesa di dare l’accelerata all’operazione. Molto dipenderà dal verdetto Uefa. Intanto lo svedese avrebbe dato il suo ok alle condizioni dettate dai rossoneri. Sullo sfondo rimane invece Pato sul quale però grava una clausola da 25 milioni di euro. Questo è quanto riferito da La Gazetta dello Sport.


Continua a leggere