Rivoluzione nel mercato: tetto salariale anche in Cina

| 21/11/2018 22:00

La Federcalcio cinese dice stop alle spese pazze: dalla prossima stagione via al tetto salariale per gli stipendi

Calciomercato Cina | Il tetto salariale sarà attivo dal 2019 e ha l’obiettivo di regolamentare lo sviluppo dei campionati. Sarà valida per tutte le tre leghe professionistiche cinesi: la CSL, la China League e la China League Two.

Non sono ancora state decise le cifre a cui sarà fissato il tetto salariale che le squadre dovranno rispettare.

Non sarà però l’unica innovazione introdotta dall’anno prossimo. Saranno regolamentate anche le spese dei cartellini: chi spenderà più di 5,7 milioni di euro per il cartellino di un giocatore straniero, dovrà pagare la stessa somma a fine stagione in caso di mancato raggiungimento del pareggio di bilancio.

Lo stesso varrà per i giocatori cinesi pagati più di 2,5 milioni di euro. Infine tutti i giocatori cinesi firmeranno infatti un nuovo contratto che possa rispettare i regolamenti introdotti.

Come cambia il mercato?

A dirla tutta, le spese pazze in Cina hanno già subito un duro colpo a seguito della tassazione massiccia a cui vanno incontro i club della Chinese Superleague nel momento in cui provano ad acquistare un campione dall’estero: l’intero ammontare del prezzo del cartellino, qualora superi i 30 milioni di euro, deve essere corrisposto all’erario cinese.

 

 


Continua a leggere