Italia-Stati Uniti: le probabili formazioni de La Gazzetta dello Sport

| 19/11/2018 07:59

Italia-Stati Uniti: le probabili formazioni di Gazzetta

Italia-Stati Uniti: le probabili formazioni di Gazzetta. Il ct della Nazionale Roberto Mancini è pronto a variare in amichevole contro gli USA. Tante novità e tanti calciatori da testare. Di sicuro in campo il tecnico avrebbe voluto schierare Romangoli e Pellegrini ma i guai fisici hanno fermato i due calciatori. Oltre a Romagnoli, infatti, anche Lorenzo Pellegrini, acciaccato, è tornato a casa.Nazionale Mancini

Liberati già nel dopo Italia-­Portogallo anche i vari Chiellini, Florenzi, Jorginho, Insigne e Immobile. A integrare il gruppo sono arrivati Acerbi, Kean e Mancini. Ieri, in Pinetina, giornata di scarico per i titolari di San Siro, mentre il resto della truppa ha giocato una partitella con una giovanile dell’Inter.

Difesa

In difesa, accanto a Bonucci, dovrebbe esserci Acerbi domani sera contro gli Usa (ore 20.45): De Sciglio e Biraghi i terzini. Sirigu ha buone chance di giocare dal 1’. In mezzo al campo non sono da escludere le conferme di Verratti e Barella, con Gagliardini favorito per la terza la maglia. In avanti provato il tridente Berardi­-Pavoletti-­Grifo.

Centrocampo

Ora resta da vedere che collocazione Mancini darà a Verratti domani contro gli Usa: senza Jorginho (uno dei cinque azzurri lasciati liberi dopo il primo impegno), potrebbe provarlo anche da play centrale. Ma il c.t. – così è ancora più facile capire il senso delle sue convocazioni – potrà scegliere senza patemi: ha chiamato centrocampisti tecnici e duttili allo stesso tempo e le prime alternative al trio impiegato contro il Portogallo, ovvero Gagliardini e Sensi, occhio a Tonali.

Attacco

Una da titolare per Belotti, da ottobre però un «ex» azzurro. Quello vero sarebbe oggi il 9 dell’Italia: l’ultimo del Torino, post­infortunio, non ha la concretezza e la potenza di un tempo. Però il suo movimento, almeno in azzurro, è sempre stato positivo. Sta a lui convincere il c.t., quattro mesi di tempo fino a marzo, inizio delle qualificazioni europee. Ancora più lontano dai radar è il collega torinista Zaza, troppo discontinuo. Alla lotta per la maglia 9 si iscrivono anche Pavoletti, che teoricamente contro il Portogallo avrebbe dato più peso, anche aereo, in area, ma non stava bene, e Lasagna, che può essere di movimento e d’area, ma neanche lui è lo «spaccapartite». I più attesi sono altri: Berardi, Cutrone, Kean e Pellegri.

Italia: Sirigu, De Sciglio, Bonucci, Acerbi, Emerson Palmieri, Barella, Verratti, Gagliardini, Berardi, Pavoletti, Grifo.


Continua a leggere