Eintracht, De Guzman: “Giuntoli mi diede un pugno in faccia quando rifiutai il Bournemouth, vi racconto”

| 18/11/2018 14:00

Eintracht, De Guzman: “Giuntoli mi diede un pugno in faccia quando rifiutai il Bournemouth”

Jonathan De Guzman, centrocampista attualmente all’Eintracht Francoforte, ha parlato ai microfoni di sigonfialarete.com di un litigio avvenuto con il ds Giuntoli nel 2015, quando il calciatore rifiutò un trasferimento al Bournemouth. Ecco le sue dichiarazioni: “Giuntoli si è davvero arrabbiato. Il suo assistente mi ha detto: ‘ascolta, se non firmi si arrabbierà molto, se non firmi sarai morto per il Napoli, non giocherai mai più’. Improvvisamente mi ha dato un pugno in faccia e a quel punto sono impazzito. Abbiamo iniziato a litigare furiosamente, volavano sedie. C’era il mio compagno di squadra Zuniga che cercava di separarci. Mi diceva ‘dai, prendi le tue cose e vai a casa’”.

De Guzman finalmente rinato

Sul periodo attuale: “Sento che sto giocando il mio miglior calcio, e ne sono molto orgoglioso. Soprattutto dopo tutto quello che mi è successo”.

Prima che il calciatore volasse in Germania nel 2017, ha avuto due parentesi in prestito in Italia con le maglie di Carpi e Chievo. In carriera vanta 354 presenze complessive condite da 59 gol. Con la nazionale olandese sono 14 le convocazioni, di cui l’ultima nel lontano 2015.


Continua a leggere