Geona, Preziosi: “Juric resta, voglio un’indagine per lo striscione”

| 13/11/2018 11:30

Geona, Preziosi: “Juric resta, voglio un’indagine per lo striscione”

Enrico Preziosi, presidente del Genoa, ha parlato della posizione di Ivan Juric nel corso di un’intervista concessa al Secolo XIX:

“La squadra è forte ma non rende fossi un tifoso mi contesterei da solo. Le critiche sono ben accette, ma gli insulti pesanti sul mio conto come quello striscione apparso nella Nord non li accetto. Voglio andare avanti con la testa e voglio cancellare queste sconfitte con una vittoria nel derby.

Juric? La squadra lo segue bene e le prestazioni sono buone, perdiamo per degli episodi che ci penalizzano. Vedo segnali incoraggianti nel lavoro che sta svolgendo, ovvio che poi mi aspetto dei risultati da lui. La situazione non è come quella con Ballardini, dalle difficoltà dobbiamo uscirne tutti insieme e il derby è la partita giusta per risalire”.

Genoa, impazza la polemicaGenoa Lega rinvio Milan

Intanto, come riportato da La Gazzetta dello Sport, la società è pronta a prendere provvedimenti. C’ è un limite anche al dissenso e alla vergogna: sabato scorso, gli ultrà del Genoa l’hanno superato ampiamente, mostrando un maxistriscione in gradinata nord («Preziosi: prima o poi anche tu morirai… il Genoa mai») che ha messo i brividi. Presidente Preziosi, si è toccato il fondo.

“Chiedo con garbo e fermezza un’indagine su quanto accaduto. Ho parlato con la Digos, mi è stato assicurato che un’indagine è già in atto. Voglio sapere come sia possibile che nello stadio sia entrato uno striscione di venticinque metri, come se la gradinata fosse terra di nessuno. Questa gente becera non rappresenta assolutamente la tifoseria del Genoa”.

Domani (oggi, n.d.r.) mi farò sentire anche in Lega. Uno striscione come quello non si era mai visto prima in nessuna parte del mondo. E poi mi parlano di dignità: ammesso che l’abbiano mai avuta, questi personaggi se la sono giocata. Lo ripeto: chiedo alle forze dell’ordine un’indagine seria che debelli il fenomeno di questi abusi all’interno dello stadio”.


Continua a leggere