Juventus, Allegri vince la panchina d’oro: “Conta essere efficaci, non divertenti”

| 12/11/2018 14:00

Juventus, Allegri vince la panchina d’oro: queste le sue dichiarazioni dopo la cerimoniaJuventus Allegri Genoa

Juventus Allegri panchina d’oro/Massimiliano Allegri vince la Panchina d’Oro per la quarta volta in carriera. Panchina d’Argento per Aurelio Andreazzoli, per la serie C vince Paolo Zanetti del Suditorl.

Al secondo posto della panchina d’oro è poi arrivato il duo Inzaghi-Sarri, praticamente per il quarto anno di fila.

Queste le dichiarazioni di Allegri dopo la cerimonia

“Meno danni facciamo e meglio è, ho un grande staff che mi dà una grossa mano e mi toglie molto lavoro, mi fa invecchiare in ritardo. E’ un bel premio, ringrazio i giocatori e tutta la società, quelli che lavorano con me per raggiungere gli obiettivi. Speriamo che sia un altro anno pieno di successi, sarà difficile perché Napoli e Inter in Italia vanno forte. Fino a marzo la Champions non conta, bisognerà arrivarci preparati, essere un pizzico fortunati e avere tutti i giocatori in condizione”.

Il premio: “Non sono innovativo ma riflessivo, l’esperienza di dieci anni di Serie A mi hanno fatto crescere, come tra dieci anni sarà una persona diversa rispetto ad ora. Il premio dipende dai successi che la squadra ti regala. Momento giusto per la Champions? Era giusto anche il primo anno, ma è andata male, come al terzo. In questi anni sicuramente società e tifosi stessi sono cresciuti. Col Manchester abbiamo perso e tutti sono usciti soddisfatti dallo stadio, è un bel segnale anche se a me non è piaciuto molto”.

Fisicità e mentalità: “Sono caratteristiche che una squadra deve avere: la fisicità del Manchester l’abbiamo pagata negli ultimi cinque minuti, sotto l’aspetto difensivo abbiamo fatto bene. A calcio bisogna essere efficaci e non divertenti, altrimenti non si vince e ci arrabbiamo tutti. Vediamo di portare a casa quello che c’è da portare a casa, lavorare bene e alzare l’asticella, migliorandosi sempre perché gestire in campionato diventerebbe un problema anche per la Champions”.


Continua a leggere