Juventus-Manchester United, le pagelle della Gazzetta dello Sport

Juventus-Manchester United, i voti di Gazzetta. Altro che fino alla fine.

La Juventus sciupa nel finale e si fa rimontare dal Manchester Unitede. La squadra di Allegri riesce nell’impresa di sciupare due o tre cose fondamentali: la qualificazione agli ottavi di Champions con due turni di anticipo; la certezza del primo posto, garanzia di miglior sorteggio; la straordinaria bellezza del gol di Cristiano Ronaldo, il temporaneo e illusorio 1­0. Quando qualche juventino aveva già lasciato lo stadio perché appagato dall’arte di CR7, José Mourinho – deriso e insultato in quanto ex interista – ha confezionato il ribaltone con un doppio cambio che ha punito la sicumera della Juve, piena di sé e sprezzante nello sbagliare più volte il 2­0, che avrebbe chiuso ogni discorso.

E’ stata una Juventus a diverse facce: bella per tutto il primo tempo; sfortunata nei momenti in cui ha colpito un palo con Khedira e una traversa con Dybala; ammaliante grazie al gol di CR7; irriconoscibile nell’ultimo squarcio di gara, quando Mou ha avvelenato i pozzi con gli innesti di Mata e Fellaini e con relativo mutamento di sistema. Nulla di irrimediabile, alla Juve basterà battere Valencia e Young Boys per qualificarsi da prima, ma la lezione è potente: guai a dare per vinte le partite di Champions, specie contro avversari che hanno alle spalle grande storia e cultura calcistica. José Mourinho, vincitore di Champions League, ha mostrato agli juventini come si fa

I voti: Matuidi il peggiore