Milan, Gattuso: “Troppi infortuni, dobbiamo stringere i denti. Montolivo? Non ho nulla contro di lui”

| 03/11/2018 15:30

Milan, Gattuso presenta la sfida con l’Udinese in conferenzmilan gattuso

Milan Gattuso Conferenza/ Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani contro l’Udinese.

Sui tanti infortunati: “Calhanoglu ha stretto i denti, è solo da apprezzare, come ha fatto Kessie. Ieri ha provato ad allenarsi, ma il piede gli fa male, ha sentito anche un po’ di fastidio alla caviglia, con 3/4 giorni di riposo può migliorare. Biglia fino a lunedì resta a casa, non può appoggiare il piede, Caldara uguale. Torrasi e Brescianini pure sono fermi. Calabria ha provato, ma ha fastidio nei cambi di direzione, Jack ha lavorato a livello atletico sia ieri che oggi, è in miglioramento”.

Sull’umore della squadra: “Abbiamo perso un pò di giocatori, dobbiamo farci trovare pronti, giocare da squadra. Abbiamo faticato tanto ad arrivare nella zona Champions, ora spero che ci potremo rimanere. La squadra si è sempre allenata bene, le vittorie aiutano a farti stare bene, ma non è il momento di fare i sorrisi, ma di battere il ferro e farci trovare pronti. Voglio vedere una crescita, dobbiamo stare sul pezzo e non mollare una virgola. L’Udinese può metterci in grandissima difficoltà, un po’ di stanchezza c’è ancora, qualcuno non ha ancora recuperato a livello mentale, spero domani di vedere più fame e cattiveria”.

Su Montolivo: “Mi danno fastidio le chiacchiere da bar, non è mai stato fuori rosa. Faccio le mie scelte e se non c’è stato comunicato vuol dire che lui sta bene, ma sono mie scelte. Se si allena come dico io allora non ci sono problemi, nessuno può dire che vado a simpatia e antipatia”.

Sull’Udinese: “Domani sarà difficile, mancheranno un pò di giocatori importanti. Hanno grande fisicità, tanti giocatori da un metro e novanta e dobbiamo essere sul pezzo, non possiamo sbagliare nulla. Ho sentito le parole del loro allenatore e ci credono”.

Sulla personalità della squadra: “Quando riesci a fare dei risultati, vincere 3/4 partite di fila cresce la fiducia e la personalità. Questa squadra ha voglia di fare, di sacrificarsi, le due partite con le genovesi sono state di grandissimo sacrificio. La Samp ci ha messo in grandissima difficoltà, col Genoa potevamo fare meglio dopo l’1-0, ci siamo impauriti, dobbiamo migliorare perché così rischiamo di farci scappare le partite di mano. L’errore ci può stare ma non dobbiamo avere paura”.


Continua a leggere