Real Madrid, l’annuncio di Antonio Conte atteso in giornata

| 29/10/2018 08:30

I cinque goal subiti dal Barcellona sono troppi. Perdere il Clasico può anche starci, ma così, non va bene. L’arrivo di Antonio Conte è dunque questione di ore

Real Madrid Antonio Conte | Come riportano i colleghi del Corriere dello Sport questa mattina in edicola, “Conte, è tutto Real“. Il tecnico salentino pare proprio che dovrà sostituire sulla panchine del Real Madrid il tecnico Lopetegui, che per i colleghi della carta stampata “non resiste al tremendo 1-5 col Barcellona, con Perez che vuole annunciare Antonio in giornata: potrebbe debuttare mercoledì in Coppa del Re con Melilla”.

Real Madrid Antonio Conte

Ora si attende solo l’ufficialità dell’esonero del tecnico spagnolo, che dovrebbe arrivare a breve, decisione inevitabile, troppo pochi i 14 punti raccolti in 10 gare, che valgono appena un nono posto in campionato per chi l’anno scorso alzava l’ennesima Champions League al cielo, e di certo non è solo colpa dell’addio di Cristiano Ronaldo.

Il tecnico pare non essere mai entrato in sintonia con i suoi giocatori, e i risultati si sono visti sul campo.

Non è escluso che stesso in giornata ci possa essere l’esonero e l’annuncio di Antonio Conte, che potrebbe così debuttare già in Coppa contro il Melilla. Non è da scarte però anche l’ipotesi Solari.

Real Madrid, Antonio Conte e i rinforzi di gennaio

In Spagna sono comunque certi dell’arrivo di Antonio Conte, che avrebbe addirittura fatto i nomi dei rinforzi che vorrebbe avere già a disposizione a gennaio per i blancos. Si tratterebbe di David Alaba e Mauro Icardi.

Il primo potrebbe sostituire un Marcelo che viene dato in partenza, destinazione Juventus. Il bomber argentino invece dovrebbe essere colui che porterebbe quei goal che oggi mancano dopo il passaggio alla Juventus di Cristiano Ronaldo.

In ogni caso sono due trattative difficile da portare a casa, soprattutto l’argentino, come ha detto di recente Wanda Nara, suo agente, “ha ancora tre anni di contratto, è felicissimo qui e ha un presente molto importante all’Inter. E’ il capitano e rimane qui”. E’ difficile infatti pensare che Mauro possa dire addio ai nerazzurri, sopratutto se a gennaio i nerazzurri saranno ancora in lotta su più fronti.


Continua a leggere