Calciomercato Napoli, De Laurentiis: “Per Cavani porte aperte se…”

| 24/10/2018 00:30

Il calciomercato del Napoli ha un sogno con nome e cognome: Edinson Cavani. Aurelio De Laurentiis ha deciso di far sognare i tifosi…

Calciomercato Napoli Cavani | Il numero 1 azzurro De Laurentiis ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano francese Le Parisien. Ecco quanto raccolto da calciomercato24.com:

Qual è il suo obiettivo nelle prossime due partite contro il PSG?
La nostra idea è di prendere più punti possibili. C’è pure un interesse economico, dal momento si prendono soldi per anche per le vittorie. È anche l’occasione per dimostrare il valore dei nostri giocatori. Inserire il Liverpool in terza fascia, quando arriva in finale è pazzesco … Ma con la UEFA, è come a scuola, non possiamo sfidare le regole”

E per la qualificazione agli ottavi di Champions League?
“Ci spero, è il nostro obiettivo”. 

Il PSG rischia di uscire già ai gironi?
“Il club francese una disponibilità molto forte, grazie al fatto che non ha problemi economici. Se loro bilancio è in rosso, come dei prestigiatori, lo fannon diventare bianco! Sono entrato nel calcio nel 2004, quando ho saputo del fallimento del Napoli, senza sapere nulla del calcio. Per me, il calcio non è un modo per fare altri investimenti, come per il Qatar. È un settore, come quando faccio film. In tre anni siamo arrivati in serie A. Siamo stati 525esimi in classifica UEFA, oggi siamo 14esimi. Abbiamo fatto molta strada. Abbiamo fatto esplodere giocatori come Lavezzi, Cavani , Higuain, Insigne, Mertens”.

Come si combatte con squadre che hanno mezzi economici superiori?
“A Napoli abbiamo sempre avuto ottimi allenatori. Facciamo una grande ricerca sui giocatori. In estate ho rilevato il Bari, quindi abbiamo l’opportunità di far maturare giocatori che non sono pronti”. 

De Laurentiis sul Fair Play Finanziario

Il PSG, come detto in passato da lei, non rispetta il fair play finanziario (FPF)?
“Con i russi, i Qatariani, gli arabi e forse i cinesi in futuro, è molto facile nascondere i finanziamenti . Se qatarioti sponsorizzano il PSG via Qatar Airways per 100 milioni di euro sulla maglia, nessuno dice nulla”.

Il FPF però tiene conto dei contratti con parti correlate …
“In Italia, ci sono almeno quattro squadre che non dovrebbero giocare, perché sono piene di debiti … Dovrei fare un’indagine, ma non è compito mio. Mi piace molto Ceferin ma deve essere diplomatico. È un avvocato, è molto intelligente. Quando assumi un ruolo politico, non vuoi mai commettere un errore. Se dopo 10 giorni di campionato una squadra ha 30 punti e la seconda a 22 punti, come in Ligue 1, c’è qualcosa che non funziona, che non è equilibrato. Il PSG vuole vincere la Champions League forzando la mano, ma per cosa?”.

Tutti i club vogliono vincere, giusto?
OK, ma se inviti sei persone a cena a casa, comprerai 100 kg di spaghetti e cinquanta scatole di pomodori?”

Perché ha definito il trasferimento di Neymar un anno fa “patetico e volgare”?
Non è solo volgare, è una questione di rottura del mercato. Se qualcuno viene giudicato a 180 o 200 milioni, posso dire che Koulibaly, che è il miglior difensore in Europa, deve essere valutato 150 e € 200 milioni … Ma non è in vendita”.

Alla fine questo aumenta il prezzo dei suoi giocatori …
“Ma no, non mi aiuta. Devi creare un equilibrio, altrimenti avrai sempre una squadra a 30 punti e gli altri 10 punti dietro”.

De Laurentiis sulla presunta combine Psg-Stella Rossa

Sulla presunta combine di PSG-Stella Rossa cosa pensa?
“Questa è un’altra garanzia che la UEFA dovrebbe dare. Se non è in grado di garantire la trasparenza di una competizione, è un problema che non mi riguarda. Io ho sentito dire che i serbi avevano scommesso 5 milioni di euro sulla propria sconfitta con un numero di goal come gap. Se queste ipotesi sono venute fuori, forse c’è qualcosa di reale”

Quali possono essere le conseguenze di questo caso?
Non posso incolpare né PSG né Belgrado. Il problema è della UEFA, che deve indagare e garantire ai partecipanti la regolarità della competizione. Non so se la UEFA è organizzata per sapere la verità. Con più goal, in caso di parità, puoi avere un beneficio maggiore rispetto ad altri club”.

Quali sono i suoi rapporti con la dirigenza del PSG?
Jean-Claude Blanc (il direttore generale, ndr) era alla Juventus. Abbiamo passato molto tempo insieme in Lega. È una persona molto corretta, molto professionale. Conosco Nasser Al-Khelaïfi, è una grande persona. Non ho nulla da dire, il problema viene dai piani più alti. È un problema politico. Il Paris Saint-Germain potrebbe essere chiamata Paris Qatar”.

La maggior parte dei grandi club sono di proprietà di investitori stranieri …
Gli investitori nei club inglesi sono americani o russi, per la maggior parte. I russi vogliono rendere la loro immagine pulita. La Russia cambiò improvvisamente, arrivò Gorbatchev e tutti quelli che facevano parte del Politburo (Ufficio politico, ndr) divennero ricchi. Il proprietario di Liverpool, ad esempio, che è americano, ha capito come me che il calcio è un’industria”.

De Laurentiis su Cavani

Su Cavani invece...
“Lui è fantastico. Con noi ha segnato più di 30 gol ogni anno. Era più felice a Napoli? Devi essere pazzo per non essere felice a Napoli. A casa, ho la vista più bella di Roma, ma la scambierò sempre con la vista di Napoli, proprio come quella di casa mia a Los Angeles. Questi giocatori si svegliano, vanno a fare allenamento e hanno finito. Li paghiamo per divertimento. Dopo hanno la libertà di vivere in una situazione idilliaca. Immagina di svegliarti a Liverpool? Hai solo la casa dei Beatles, Abbey Road … A Parigi, ci sono molte cose, ma il clima non è eccezionale come a Napoli”.

Questo è un messaggio per Cavani?
“Dipende solo da lui. Le porte di Napoli sono aperte. Io però non ho i soldi del Qatar. Quindi, se non vuole giocare per il PSG e si riduce lo stipendio, troveremo un accordo. Nessuno vuole tenere un giocatore di questa importanza in maniera insoddisfatta. Non ha più 24 anni, ma è quasi impossibile per lui infortunarsi, è elastico. Può giocare fino a 38 anni”.

Dopo Lavezzi e Cavani il PSG ha provato a prendere altri calciatori azzurri?
“No”.

Ha provato a comprare Areola la scorsa estate?
Sì, volevo prendere Areola. Ho parlato con il suo agente, Mino Raiola, ma aveva altre idee per lui. Sono molto contento dei nostri tre portieri. Non ho mai avuto tre portieri come Meret, Ospina e Karnezis. Hanno talento e personalità”


Continua a leggere