Sampdoria, Praet: “Pensiamo all’Europa. Juventus? Fa piacere il loro interesse, ma tratto il rinnovo”

Dennis Praet, centrocampista talentuoso della Sampdoria, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue dichiarazioni:

Sull’Europa League: “Ci pensiamo, eccome. Ogni giorno acquisisco sempre più fiducia” ha confessato Praet. “La strada è ancora lunga, lavoro duramente per diventare un giocatore completo, ma questa società è il posto migliore per farcela. Faremo di tutto per rimanere in alto il più a lungo possibile, ovviamente senza pressione. Siamo una squadra di qualità con un’ottima difesa, perché non ambire all’Europa? L’ambizione, nel calcio è fondamentale”.

Calciomercato Sampdoria Giampaolo

Su Giampaolo: “Tra i migliori allenatori in circolazione, perfetto per noi giovani. Mi sta formando come calciatore, tatticamente è strepitoso. La sua idea di calcio è l’ideale per le mie caratteristiche. All’inizio, lo ammetto, non è stato facile. Faticavo, ma ora va alla grande. A centrocampo posso fare un po’ di tutto, sono a totale disposizione. All’inizio, qui a Genova, speravo di essere impiegato come trequartista, il mio ruolo naturale, ma quest’anno mi sto divertendo anche da mezzala”.

Sampdoria-Praet, contatti in corso per il rinnovo

Sulle voci di mercato: “Come ogni giovane, credo sia normale puntare a un top club. Ma ci sarà tempo per pensarci, ora alla Samp sto benissimo”.

Sull’interesse della Juve: “Ho sentito pure io certe voci ma non saprei. Fa piacere essere accostato a squadre importanti, ma ripeto: a Genova sono felice e voglio rimanere”.

Sul rinnovo: “Ne stiamo parlando. È ciò che vogliamo sia io che la società”.

Sul rapporto con Ferrero: “Un personaggio eccezionale. Presidente con grande passione, diverso dagli altri. Vicino a noi sempre. Lo incontrai appena arrivato in Italia. Ero a Roma perle visite mediche, a pranzo mi vide tagliare gli spaghetti alla carbonara. Si arrabbiò moltissimo, ma che colpa ne avevo? Non sapevo ancora quale fosse il modo corretto per mangiarli! (ride, ndr)”.