Inter, Lautaro Martinez: “Gioco poco, ma è colpa del modulo”

Lautaro Martinez, attaccante dell’Inter, ha parlato nel post partita di Iran-Argentina. Ecco le sue dichiarazioni: “Ovviamente è positivo segnare, è importante segnare. Ero al debutto da titolare, bisogna continuare a lavorare per migliorare. Nelle ultime gare sono rimasto fuori a causa di un infortunio, è stata una decisione presa con lo staff medico e tecnico della Nazionale, oltre che con l’Inter. Ho recuperato nella miglior maniera col mio club. Adesso arriverà il Brasile, non sarà una partita facile ma lo prepareremo per fare le cose al meglio. La partita sarà speciale, tutti lo sanno”.

Sulla coesistenza con Icardi: “Per adesso nell’Inter non sto giocando per via del modulo che stiamo utilizzando, il mister cerca di mantenere un assetto di squadra stabile. Io cerco sempre di fare il miglior lavoro possibile per me, al fine di migliorarmi e conseguire i miei obiettivi per poi giocare quando e dove mi spetterà. Qui in Nazionale ho avuto una chiacchierata con Scaloni, gli ho detto quello che pensavo. Ora vedremo quello che si deciderà, se giocheremo a una o due punte. Ma questa cosa dipende da lui, è lui il tecnico”.

Calciomercato Inter, il Real Madrid non molla Icardi

Il presidente Florentino Perez non passerà a cui non ripenserà alla cessione di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Un duro colpo per la società, che con l’addio di CR7 non è riuscita ad intervenire sul mercato per comprare un nuovo campione da regalare ai tifosi. Si è pronti per puntare a Mauro Icardi, in scadenza con i nerazzurri nel 2021, anche se da tempo si lavoro ad un rinnovo fino al 2023. In ogni caso, secondo Don Balon sono pronto per stanziare 200 milioni di euro per rinforzare la squadra e la metà potrebbe essere usata per arrivare a Mauro Icardi. Un’offerta che potrebbe arrivare a Milano già a gennaio. Certo che ci sembra quasi impossibile che l’Inter possa cedere il proprio bomber a stagione in corso, in un periodo dove i nerazzurri saranno con molta probabilità in corsa su più fronti fra campionato e coppa. Di certo se ne riparlerà in estate, ma anche in quel caso, portare via il capitano nerazzurro non sarà semplice. Chissà però che Lautaro Martinez non possa essere un degno erede.