Aggressione in Russia ai danni di un funzionario del governo da parte di 2 calciatori, Kokorin (Zenit) e Mamaev (Krasnodar)

Aggressione Russia Kokorin Mamaev | L’hanno combinata grossa. I due calciatori probabilmente ubriachi, questa mattina in un bar in Russia, hanno aggredito un funzionario del Governo. Ripresi dalla telecamere di sorveglianza durante l’aggressione, Kokorin gli ha anche lanciato una sedia

Il centrocampista russo Mamaev è prossimo al licenziamento ed è già stato messo fuori rosa così come riporta il Krasnodar sul suo sito ufficiale: “Ciò che abbiamo visto nel video è oltraggioso. E non ci possono essere scuse per questo gesto. Stiamo studiando il modo per rescindere il contratto, seppur ancora breve, con il giocatore”.

Stessa sorte anche per Kokorin che rischia anche la galera e, secondo indiscrezioni provenienti dalla Russia, la pena massima sarebbe di 5 anni di reclusione. Il club ha prontamente condannato quanto fatto dall’attaccante con una nota sul proprio sito ufficiale: “Condanniamo in modo assoluto questa azione, stiamo valutando ora la giusta punizione per il giocatore. Siamo profondamente delusi dal comportamento di uno dei calciatori più talentuosi del nostro paese”.

Le parole del ministro dello sport non si sono fatte attendere. Pavel Kolobkov ha comunicato infatti che i due giocatori non scenderanno mai più in campo con la nazionale russa: “Le vittime si sono rivolte alla polizia, ci sono i video. I due calciatori non hanno attenuanti, se verrà completamente dimostrata la loro colpevolezza non giocheranno mai più nella nazionale russa. Il loro comportamento getta un’ombra su tutto il nostro calcio”.

IL VIDEO