Inter, Handanovic: “Uscite? Quando un portiere decide deve andare”

Samir Handanovic, portiere dell’Inter, ha parlato a Sky Sport dopo la vittoria contro la Spal:

Ultime Inter, parla Handanovic

“Era una partita tosta, noi abbiamo speso tanto mercoletì. Mi aspettavo una gara difficile, ti mancano energie nervso dopo tante partita. Potevamo metterla in dicesa da subito. Questo è il calcio, oggi c’era da soffrire, c’era da soffrire e lo abbiamo fatto.

Parata? Il portiere deve parare anche qualcosa se vuole vincere, è il mio lavoro. Non aggiungo altro. Oggi mi è piaciuto il carattere della squadra. Sappiamo che non abbiamo fatto bene come le altre volte. C’era da soffirire e abbiamo fatto bene. Tutto il resto si dimentica.

Parata più determinante? Quella in Champions è stata difficile perchè è uscita tra due uomini. Per il risultato ed il minuto era stata importanta. Uscite e tempo di uscita? Quella con il Torinoè colpa mia, pensavo già alla giocata dopo. E’ stata colpa mia. Volevo anticipare la giocata di testa. In Olanda bisognava decidere presto, il terzino ha fatto una grande giocata. Il portiere quando decide di andare deve andare. Chi sta in prota accetta il rischio. E’ facile restare in porta. 

Record di rigori? Ci arriverà. Penso che Luca tu sai bene come funziona, sono scelte che si fanno. Anche gli attaccanti guardano i portieri e devono sapere che può restare fermo”.