Notizie Atalanta, l’ex Ganz: “Gli attaccanti sentono il momento negativo della squadra”

Maurizio Ganz, 42 gol in 100 partite con l’Atalanta tra il 1992 e il ‘95 e nel 2000­- 2001, ha parlato del momento della Dea nel corso di un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport:

E’ capitato anche a lei di fermarsi?

«Come no? Proprio al primo anno di Atalanta: avevo fatto un ottimo girone d’andata, nel ritorno mi sono bloccato forse perché mi ero illuso di poter segnare sempre».

Appunto, come il suo soprannome…

«Ma purtroppo non funziona così, l’attaccante sente il momento negativo della squadra, in un certo senso si adegua, si intestardisce a cercare il gol e non gliriesce niente».

Non ha segnato in 6 delle ultime 8 partite: cosa sta accadendo all’Atalanta?

«C’è stato un calo fisico ma soprattutto mentale dopo l’eliminazione nel playoff di Europa League. Gasperini è un grande motivatore, sono sicuro che l’Atalanta ne verrà fuori».

Inizio difficile, come due anni fa.

«Certo, ma la squadra è costruita molto bene, ha una sua identità di gioco. Tornerà a fare un calcio spettacolare».

Zapata non si è ancora sbloccato in campionato.

«E’ un attaccante molto forte, anche fisicamente, in grado di fare reparto da solo. Gli manca soltanto il gol, non mancherà molto».

Barrow ha cominciato benissimo in Europa League (4 gol), è fermo in campionato.

«Succede ai giovani che promettono molto e poi faticano a confermarsi nel campionato successivo».

Pasalic può fare il trequartista?

«Certo, è un giocatore completo. Non bisogna avere fretta»