Liverpool, Alisson: “A Napoli ambiente caldissimo, mi piace giocare al San Paolo. Addio Roma? Ho pianto a lungo”

Liverpool, Alisson: “A Napoli ambiente caldissimo, mi piace giocare al San Paolo. Addio Roma? Ho pianto a lungo”

Alisson Becker, portiere del Liverpool, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue dichiarazioni:

Se la Serie A è lontana dalla Premier: “Non tanto. È solo differente. Meno intensa. Però io in Italia ho imparato tanto grazie al preparatore Marco Savorani che è stato fondamentale nella crescita mia e di Szczesny. È una delle persone più importanti della mia vita, mi ha aiutato dentro e fuori dal campo”.

Sulla Juve: “Il dominio della Juve poggia su basi economiche. In Premier tutte le società acquistano giocatori importanti, in A purtroppo no. Per il resto, gli stadi sono caldi allo stesso modo. Una differenza importante riguarda i terreni di gioco, che in Premier sono sempre perfetti”.

Sull’integrazione di Sarri: “Non avevo dubbi, è molto preparato e ha giocatori forti”.

Sull’ambiente al Napoli: “Caldissimo. Mi piace giocare al San Paolo. I tifosi cantano sempre, non stanno mai zitti. Sarà una grande sfida per un grande girone: il pareggio del Napoli a Belgrado ci avvantaggia solo se noi faremo il nostro dovere. L’anno scorso a Napoli con la Roma vinsi 4-2, ma fu durissima: il Napoli tirò 13 volte in porta, feci 11 parate e presi 2 gol. La forza della squadra di Ancelotti è che il gruppo è lo stesso da anni”.

Roma Alisson LiverpoolAddio alla Roma doloroso

Se aveva mai pensato di restare a Roma a vita: “Mi è passato tante volte per la testa, perché stavo benissimo a Roma. Ma quando un calciatore sceglie dove giocare, il discorso è più ampio. Io ho grandi ambizioni, il Liverpool anche e adesso gioco nel campionato più importante del mondo”.

Sull’addio a Roma: “Lasciare Roma è stato difficile. Ho pianto a lungo, insieme a mia moglie. È giusto essere onesti: io ho fatto una scelta professionale, un passo in avanti per la carriera e la Roma ha incassato una grossa cifra. Con la testa ho deciso di andare al Liverpool, ma il mio cuore era ugualmente pieno di lacrime. A Roma ho passato due anni speciali, lì è nata mia figlia, ho molti amici anche fuori dal calcio. Tante volte sono andato a spasso di notte per la città: Fontana di Trevi, al buio, è di una bellezza commovente. Ma il mio posto preferito resta il Colosseo: lì davanti respiri la storia“.