Torino, Walter Mazzarri presenta la sfida con il Chievo di domaniInter-Torino Mazzarri Baselli Izzo De Silvestri

Torino Mazzarri conferenza/ Walter Mazzarri, allenatore del Torino, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani contro il Chievo a Verona. Queste le sue dichiarazioni.

“Un avversario tosto. In questo periodo la classifica conta fino a un certo punto per tutti. Anche se i risultati a volte non gli sono venuti. Il Chievo sul proprio campo è tradizionalmente ostico. Proprio noi l’anno scorso abbiamo faticato. Tante persone guardano le statistiche ma il calcio è fatto di tante cose. Bisogna guardare le prestazioni: attraverso queste devono arrivare i risultati, anche se spesso questi sono decisi da fattori esterni. A Udine, partita che a me è piaciuta molto, la palla di Parigini è passata davanti alla porta. Per le statistiche non è un tiro in porta, per me sì. I gol nei primi tempi? C’era quello di Berenguer a Udine che ci hanno annullato. Ci sono anche gli episodi che influiscono: magari una volta sbagli un gol, una volta giochi bene fino alla trequarti e poi sbagli un passaggio”.

Su Iago Falque e Zaza…

“Iago Falque? Faccio di tutto per portarlo con me, ma spero non ci sia bisogno di lui perché va tutto bene prima. Vogliamo giocare come a Udine. Vedremo se riusciremo a farlo o no. Ne parleremo dopo la partita. Classifica? Vorrei ricordarvi che il Toro meritava almeno tre punti in più. Ma non ci sono, in classifica, e allora ce li dimentichiamo, Zaza? Avete visto come ha giocato a Bergamo e come ha giocato con il Napoli. Trarrò da questo le decisioni. Vedremo domani come andrà e ne parleremo dopo la partita. Possono esserci delle novità. Ho dovuto fare esperimenti in campionato, alcuni giocatori importanti sono arrivati alla fine. Bisogna assemblare tutti con calma e inserirli nel modo giusto”.