Fiorentina, Pioli: “Simeone non sembra stanco, sabato può giocare Vlahovic. Veretout deve crescere”

| 18/09/2018 14:40

Ultime Fiorentina, Pioli: “Simeone non sembra stanco, sabato può giocare Vlahovic”

Ultime Fiorentina Pioli | Stefano Pioli, tecnico della Fiorentina, ha parlato in conferenza stampa nella partita di recupero contro la Sampdoria. Ecco le sue dichiarazioni:

Sul Ferraris: “Mi sembrava in condizioni buone, abbiamo giocato sabato su un campo bellissimo e non possiamo dare colpe al terreno”.

Su Vlahovic: “È stato mandato in Primavera, ma ora riparte con noi. Non sarà convocato domani, ma sabato sì. Ha segnato anche Montiel. Magari gioca sabato, vediamo. Non l’ho spedito in Primavera perché non lo ritengo da prima squadra. I ragazzi vanno cresciuti con calma, in Italia siamo bravi a pomparli subito e sgonfiarli altrettanto. Se fossi responsabile del settore giovanile, più che i centimetri, guarderei il rapporto che ha il ragazzo con il pallone. Deve sapersi marcare, smarcarsi, sapere stare in campo”.

Su Edimilson: “Per me è una mezz’ala”.

Sulla Sampdoria: “La conosciamo, avevamo già preparato la partita alla prima giornata. Ci hanno fermato al giovedì o al venerdì, sono cambiati i giocatori ma non i dettami tattici. Hanno tante soluzioni, sta dimostrando di avere, negli attaccanti, calciatori di qualità. Noi dobbiamo cercare di contrapporci bene, di fare la partita”.

Sull’attacco: “Non credo che Simeone fosse particolarmente stanco con il Napoli, i dati fisici su di lui sono stati buoni. Vlahovic è un centravanti, è andato in Primavera per mettere minuti, Mirallas può farlo, Thereau può farlo. Possiamo giocare anche senza prima punta. Abbiamo un tour de force, è un infrasettimanale, era meglio se tutti avessero riposato”.

Sulle alternative: “Stanno tutti bene, ho la possibilità di scegliere. Ci sono tante partite, non ce n’è una più importante dell’altra, sono da affrontare tutte al massimo. Quella con la Spal sarà la terza in una settimana”.

Sull’attesa: “A me non interessa quello che c’è fuori, con il Napoli la squadra è uscita con rammarico perché poteva dare di più. Essere consapevoli vuol dire poter fare qualcosa di più nella prossima partita. Crediamo di avere qualità, potendo vincere tutte le gare. Altre squadre se escono da Napoli con una sconfitta di misura possono essere, tra virgolette, contente”.

Sulle condizioni dei calciatori: “Tutti si sono allenati bene, Lafont ha fatto una mezza seduta ma domani il titolare sarà Dragowski”.

Su Giampaolo: “Che sia un ottimo allenatore lo credo, ma la Sampdoria l’anno scorso è arrivata dietro di noi, dobbiamo fare lo stesso quest’anno”.

Su chi giocherà: “Non voglio smontare del tutto la squadra, ma farò una rotazione. Ci saranno 2-3 cambi domani, 3-4 sabato. Saranno le partite a dirci cosa fare”.

Su Veretout: “Se parliamo delle prestazioni del giocatore sulla base di quello che è stato l’anno scorso, non andiamo d’accordo. Jordan deve crescere, è solamente la prima partita che faceva, sarà importante pure nella nuova posizione”.

Sulla tragedia di Genova: “Sicuramente è stata una tragedia che ha colpito tutti, soprattutto gli abitanti della città. Tornare così presto sarà particolare, andremo anche a depositare qualcosa, è opportuno. Secondo me doveva essere rimandata tutta la giornata. Pensiamo a domani, poi penseremo di far punti con la Spal”.

Sui rischi con la Samp: “Quelli soliti, del campionato italiano. Ci sono squadre che hanno qualità, organizzazione e idee. Noi dobbiamo affrontarla al massimo, veniamo da una sconfitta, da una prestazione discreta ma non ottima. Giochiamo contro un avversario che sta bene, otto gol fatti e zero subiti. Credo che la squadra sia stata brava ad analizzare la sconfitta con il Napoli”.

PER SEGUIRCI ANCHE SU GOOGLE NEWS, CLICCA QUI. 


Continua a leggere