Portogallo, Santos: “CR7? Aspettate e vedrete quanti gol farà. Con l’Italia sarà una partita difficile”

| 09/09/2018 15:40

Ultime Portogallo, Santos: “CR7? Aspettate e vedrete quanti gol farà”

Ultime Portogallo Santos | Fernando Santos, commissario tecnico del Portogallo, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara con l’Italia. Ecco le sue dichiarazioni:

Su Cristiano Ronaldo: “Aspettate e vedrete quanti gol farà”.

Su Chiesa: “Guardo al collettivo, al modo di giocare, è ovviamente che dopo l’uscita di Balotelli e l’entrata di Chiesa ha cambiato il modo di giocare, faremo attenzione a questo. Chiesa è molto verticale, Insigne è fantastico. Dobbiamo pensare alla globalità della squadra, come gioca e come ha giocato. Ho visto una squadra differente tra il primo e secondo tempo. Favoriti? Forse noi, per il pubblico”.

Sulla squadra: “Mi interessano gli undici giocatori, non solo il centrocampo. Nella globalità con la Croazia è stata una gara buona. Non ci aspettiamo molte modifiche”.

Sul contropiede: “È una caratteristica del calcio italiano, contro la Polonia abbiamo visto una squadra molto verticale, profondità di gioco, molto veloce nella transizione. Nel secondo tempo abbiamo visto più possesso, un giocatore nuovo come Jorginho che ha caratteristiche diverse. Non ha concesso molto alla Polonia. Sarà un grande confronto, entrambe le squadre faranno il loro gioco”

Sull’Italia: “È una partita difficile, anche se non è stata presente all’ultimo mondiale. È diverso dalla Croazia, con loro era un’amichevole, qui invece ci inseriamo in una competizione, spero che la squadra sia al suo livello, al meglio, con cinque o sei allenamenti. I giocatori sono fiduciosi, hanno qualità e apertura. L’Italia nel primo tempo è stata messa in difficoltà con la Polonia, gli azzurri hanno questa volontà enorme di dimostrare il proprio valore dopo un Mondiale mancato. Il sostegno del pubblico ci ha sempre aiutato, spero venga numeroso come ha fatto nelle ultime partite. Europeo? Abbiamo qualcosa da difendere”.

PER SEGUIRCI ANCHE SU GOOGLE NEWS, CLICCA QUI. 


Continua a leggere