Ultime Napoli, le dichiarazioni di De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è intervenuto in occasione dell’incontro con stampa e tifosi tenuto a Folgarida, direttamente dal ritiro degli azzurri.

Ecco quanto raccolto dalla redazione di Calciomercato24.com

Top Player? Io rispetto molto la cultura del tifoso, se il tifoso non fosse così farebbe il presidente. Voi non vi rendete conto di quanto siete offensivo nei confronti dei top player che abbiamo in squadra. Molti di loro sono ambiti da City, Chelsea, insomma sono grandi giocatori. Conte ci ha offerto 58 milioni di euro per Koulibaly, io ho rifiutato e non ci ho pensato neanche due volte. Ci manza solo un terzino destro, che sappia giocare anche a sinistra, dobbiamo trovare un altro grande terzino. Io so che tutti vorreste un top player. Cavani? Viene pagato 20 milioni ogni 10 mesi, avere Cavani e non far giocare gli altri, specialmente nel momento in cui il nostro mister li sta valutando, è abbastanza grave. E’ grave screditare gli altri, non si vince con un solo giocatore, con Higuain non abbiamo vinto e ha fatto il recordi gol. Cavani ha un telefono, mi chiama, mi parla, si riduce lo stipendio, mi mette in condizione di parlare con il club e poi vediamo. Può essere anche che qui abbia la sua famiglia, ma per andare a guadagnare il triplo non ci ha pensato due volte. Purtroppo il Dio denaro comanda tutto. Preparazione psicologica? Noi purtroppo veniamo fuori da un calcio malato da decenni, inquinato, dove nessuno ha mai avuto il coraggio di fare un mea culpa vero. E’ passato calciopoli, nessuno controlla il mondo delle calcioscommesse, dovremmo adesso controllarlo. Il campionato di quest’anno è stato falsato, ma noi ci sentiamo di averlo vinto. Noi apparteniamo alla banda degli onesti. Ci sono stati errore di valutazione durante tutto l’anno, di valutazione speculativa, di capacità di utilizzare la rosa, come doveva essere usata. Jorginho è molto cresciuto, ci sono state grandi richieste per lui ed è giusto che si assecondino le sue volontà. Noi abbiamo voglia di far crescere molti giovani, come Diawara, e valorizzare il nostro figliol prodigo Hamsik cambiandogli ruolo.