Svizzera, possibile sanzione per Xhaka e Shaqiri

Svizzera Xhaka Shaqiri | Si è scatenato un putiferio al termine di Svizzera-Serbia, terminata 2-1. Quella di ieri la si può considerare anche una partita ‘politica’ data la presenza di molti calciatori dell’ex Jugoslavia.

Ad infiammare però la cosa sono stati Granit Xhaka dell’Arsenal e Xherdan Shaqiri dello Stoke che hanno festeggiato le proprie reti facendo il gesto dell’aquila bicipite che simboleggia l’Albania. I due calciatori sono infatti originari del Kosovo, ex provincia jugoslavia per gran parte albanese, che nel 2008 si è resa indipendente dalla Serbia e durante la guerra civile è stata vittima di molte repressioni da parte del regime.

A fine gara Shaqiri ha così commentato l’accaduto: “Penso sia stata solo emozione. Sono molto felice per il gol. Non penso che dobbiamo parlarne adesso”.

Svizzera Xhaka Shaqiri

Mentre Xhaka: “Ad essere onesto non mi interessava l’avversario. Era per il mio popolo che mi ha sempre sostenuto, per la mia patria e per i miei genitori”.

A prendere in mano la questione, da buon capitano, è stato Lichtsteiner: “È stata una gara molto dura per loro a livello mentale. Questo è più che calcio perché loro hanno avuto la guerra, è parte della vita e prima della partita sono stati provocati. Vanno capiti, è normale”.

Ora però la FIFA farà le dovute valutazioni e potrebbe sanzionare i due calciatori.

Calciomercato24.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui