Jorge Luis Jorginho, centrocampista del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in occasione di una conferenza stampa direttamente dal ritiro della Nazionale italiana

Cosa è cambiato con Mancini?

“Non so se sono indispensabile per lui adesso, dovete chiedere al mister. Il ct è arrivato e ci sta già dando qualcosa in più. Stiamo prendendo un’identità precisa e dobbiamo continuare su questa strada”.

Cosa pensa di Ancelotti al Napoli?
“E’ stata una sorpresa per tutti ed è stato un gran colpo di mercato, non è possibile dire il contrario. Dobbiamo dare grandi meriti a mister Sarri per ciò che ha fatto in questi anni. Adesso il nuovo allenatore dovrà cercare di continuare a crescere sulla stessa lunghezza d’onda di Sarri, dovrà fare molto per migliorare questa squadra. La mia crescita con Sarri? Venivo da un anno difficile con Benitez e il mister mi ha aiutato tanto a trovare la forma migliore. Devo ringraziarlo e gli faccio il mio in bocca al lupo per qualunque sarà la sua prossima avventura. Mercato? Non ci penso adesso, sono concentrato solo sulle prossime due partite dell’Italia”.

L’arrivo di Ancelotti cambia qualcosa?

“Ho sentito solo grandi cose di lui ed è normale che il pensiero di essere allenato da lui ci sia. Paura di vedere tanti addii nel Napoli? Paura è una parola grossa. Il pensiero c’è perché il nostro è un grande gruppo fatto di persone che vogliono fare e dare sempre il massimo. L’importante sarà sostituire i partenti nel migliore dei modi. Se ho sentito Ancelotti?
No”.