Ultime Inter, Mazinho: “Rafinha sta benissimo, vuole rimanere a tutti i costi”

Iomar do Naciemiento, al secolo Mazinho, ha parlato del futuro dei suoi due figli Thiago e Rafinha nel corso di un’intervista concessa a Tuttosport:

Notizie Inter, parla Mazinho

«Ricordi? Spero proprio che il Lecce possa tornare un giorno in Serie A, la categoria che merita.

Thiago è nato a Brindisi (San Pietro Vernotico, ndr). Sia a Lecce che a Firenze sono stato accolto benissimo, ho solo buoni ricordi di quegli anni».

A riportarlo in Italia, tre lustri più tardi, è stato Rafinha, il più giovane dei suoi campioni:Calciomercato Inter, Rafinha Skriniar

«All’Inter sta benissimo, speriamo di riuscire a rimanere a Milano. Quando abbiamo preso la decisione di andare via da Barcellona, sapevamo che sarebbe potuto succedere. Ne ero sicuro. Rafa ha lavorato bene sia dentro che fuori dal campo e ha dimostrato di essere un calciatore speciale con la qualità necessaria a giocare in una squadra come l’Inter».

Nel Barça giocava soprattutto interno, le piace la posizione che gli ha ritagliato Spalletti?

«Assolutamente sì. È proprio lì che può dare il meglio di sé perché è un giocatore polivalente: sa dribblare, sa dare l’ultimo passaggio e sa anche segnare».

Ha parlato con Rafa di Spalletti?

«Gli piace e anche se non era abituato al suo sistema di gioco mi sembra che i fatti siano lì a dimostrare che è stato bravo a capire cosa vuole da lui il suo allenatore. Spalletti, inoltre, lo ha aiutato a crescere sia dal punto di vista fisico che tattico».

Non è stato semplice rimanere fuori quasi un anno. Come sta il ginocchio?

«Penso che abbia già dimostrato in campo di stare bene: ha recuperato al 100%. Questo non vuol dire che non abbia margini di miglioramento, ma solo che dal punto di vista fisico non ha più problemi».

Si è ambientato alla grande anche a Milano.

«Perché è una città speciale, l’atmosfera è buona e la gente giovane: sta proprio bene. Anche perché sia i compagni di squadra che le caratteristiche di una città spettacolare come Milano lo hanno aiutato a inserirsi subito. Rafa, oggi, è felice».

Domenica all’Olimpico, sarà la prima finale con l’Inter.

«Credo che quando giochi in un club importante e il tuo obiettivo è la qualificazione in Champions, tutte le partite siano finali. Forse, però, quella contro la Lazio è una super finale. Sono ottimista, l’Inter ha dimostrato di fare grandi cose in trasferta».

Rafa rimarrà all’Inter senza Champions?

«La Champions non ha nulla a che vedere con il futuro di Rafa. Dipende tutto dall’Inter. Lui, quello che doveva fare l’ha fatto».

Ausilio ha sottolineato che si tratta di una questione economica.

«Sì, è così. Toccherà all’Inter e al Barça trovare una soluzione. Detto questo, ci piacerebbe sapere quanto prima cos’ha in mente l’Inter per poter avere il tempo di studiare la situazione e aiutare i due club a trovare un accordo e che questo accordo preveda che Rafa possa rimanere all’Inter».

Crede che il Barça accetterebbe il rinnovo?

«Non so ancora cos’ha deciso l’Inter, figuriamoci il Barça. Noi, però, faremo capire che siamo contenti a Milano e che non vogliamo dover ricominciare da zero».

Se l’Inter dovesse chiedere a Rafa uno sforzo economico, cosa consiglierebbe?

«Credo che Rafinha abbia dimostrato in tutti i modi il suo attaccamento all’Inter. E poi, il suo ingaggio non è alto, è normale».

Perché Thiago e Rafa non stanno giocando insieme nel Barça?

«Bella domanda, ma non ne ho idea. Dovrebbe chiederlo a quelli del Barcellona. Ancra insieme? Non si sa mai, nel calcio tutto è possibile. Per quanto mi riguarda, spero proprio di sì».