Ancelotti: “Tornare in Italia? Non credo. Allenare la Nazionale è un mestiere diverso, mercoledì tiferò Milan”

| 07/05/2018 19:20

Carlo Ancelotti, ex allenatore del Bayern Monaco e del Milan, è intervenuto ai microfoni di Milan TvAncelotti

Su Gattuso:Sta facendo molto molto bene, la squadra ha trovato l’identità molto velocemente. Ha fatto un periodo molto buono, nell’ultimo periodo ha pagato un po’ soprattutto dal punto di vista mentale. Ho incontrato sia Fassone che Mirabelli l’estate scorsa, hanno preso in mano una situazione complicata e difficile e sono davvero felice per il lavoro che stanno facendo. Mancini allenatore della Nazionale? E’ un ottimo allenatore, ha esperienza internazionale. Se fosse lui la Nazionale credo sia in buone mani. Non me la son sentita di cambiare mestiere, è stata una scelta difficile rinunciare alla Nazionale ma è così che doveva andare”.

Un ritorno in Serie A..

“Non lo so cosa può succedere da qui a poco tempo. Orientativamente si può anche pensare che si può stare fermi ancora, perché onestamente non vedo tante possibilità per poter tornare ad allenare. Non è un problema, credo che prima o poi qualcosa salterà fuori sicuramente. Non ci sarebbe nessun problema a tornare in Italia. Finale di Coppa Italia? E’ molto milanista e ci metteremo la maglia del Milan, questo posso fare per supportare i rossoneri. Speriamo di poter festeggiare mercoledì. Yonghong Li? L’ho conosciuto un pochino l’estate scorsa. Se vede il Milan e gli batte il cuore siamo già un passo avanti. I successi di Berlusconi credo che siano dipesi soprattutto da quello. Auguro a lui e a tutti noi che il Milan, grazie ai suoi investimenti, possa tornare in alto”.


Continua a leggere